Gossip e Tv

Kim Rossi Stuart, chi è la sorella Loretta e l’arresto del nipote: “Sta in carcere, ma è malato”

Kim Rossi Stuart quest’oggi sarà ospite di Mara Venier a ‘Domenica In’. L’amato attore e regista appare molto raramente in programmi di intrattenimento in diretta ma ha finito per accettare l’invito di Mara Venier. Conosciamo la sua famiglia e in particolare la bellissima sorella Loretta.

Dopo una lunga assenza dalla tv, Kim Rossi Stuart torna in Rai. L’attore è in promozione con il suo ultimo lavoro, “Brado”, film dove è sia regista che attore. Insieme a lui tanti attori famosissimi in Italia, come Alessandro Borghi, Michele Placido e Pierfrancesco Favino. Nel corso della sua vita, ha recitato in un numero altissimo di film ed ha messo la propria firma di regista su tre opere. Oltre al sopracitato “Brado”, vanta la direzione di “Anche libero va bene” (2006) e “Tommaso” (2016).

Molto restio a condividere dettagli della sua vita privata, sappiamo che è sposato con la collega Ilaria Spada e che la coppia ha avuto tre figli dal 2011 ad oggi. I due si sono sposati solo nel marzo 2019, pochi mesi prima che nascesse il secondogenito. La terzogenita e prima femmina di casa Rossi Stuart / Spada è venuta al mondo a febbraio del 2022. L’attore è cresciuto in mezzo alle donne; ha infatti tre sorelle: Valentina, Ombretta e Loretta. Per diversi motivi, la più famosa delle tre è Loretta.

Loretta è attrice e scrittrice ed ha un sito personale con numerose foto sue. “Io sono il mio corpo e la mia anima, in un cammino comune verso la libertà” è una delle frasi che si leggono sul blog. La donna ha scritto anche un libro, “Io combatto”, dedicato al figlio con disturbi bipolari. Questa è una sua foto di poco tempo fa, che mette in risalto la sua grande bellezza:

Loretta Rossi Stuart ha fatto parlare – involontariamente – di sé per colpa di alcuni fatti di cronaca che hanno visto protagonista il figlio. Nel 2018 e nel 2022, infatti, Giacomo è finito nei guai con la legge. Nel 2019 la donna fu ospite a “Storie italiane” e raccontò del primo arresto, risalente a qualche mese prima. Giacomo compì un furto di 60€ a una sagra di paese. Più precisamente, prelevò una parte dei soldi presenti nella cassa. Per questo motivo fu arrestato e portato nel carcere di Rebibbia. La madre ha lanciato un appello affinché il figlio venga riportato nella casa di cura dov’era prima dell’arresto, affinché possa riprendere la cura speciale al litio che sembrava funzionare su di lui.

La battaglia della sorella di Kim Rossi Stuart: «Mio figlio malato ancora in carcere. É un’ingiustizia»

Una lotta «d’amore, coraggio e umiltà». «Mio figlio è ancora in carcere, da cinque mesi. Nel raccontare la nostra storia di ingiustizia, stiamo dando voce a decine di casi inascoltati e, finalmente, qualcuno ha smesso di girarsi dall’altra parte! Dalla Regione Lazio l’assessore alla sanità Alessio D’Amato ci ha assicurato la massima attenzione sulla vicenda e che presto arriveranno buone notizie con l’apertura a gennaio di una nuova Rems nel Lazio. Mio figlio ed io».

Il figlio è stato arrestato due volte nel giro di poco tempo:  per resistenza a pubblico ufficiale, per un piccolo furto da 60 euro, compiuto in uno stato psicotico. Per Jack si sono spalancate le porte di Rebibbia. ​Venticinque anni, il sogno di diventare campione del mondo di pugilato, la droga.  «Con questo bipolarismo quando assume delle sostanze va subito fuori di testa. Non è un criminale». A maggio aveva finito di scontare la pena per il furto ma su di lui pende ancora un anno di Rems per infermità mentale. «È un internato, senza le cure adeguate, perché non c’è posto nella struttura alternativa dove dovrebbe andare. La lista d’attesa è pazzesca. Le Rems sono ancora pochissime! Nel Lazio sono 3-4, 80 in tutta Italia a fronte di un fabbisogno di 120. Non si può trattenere in carcere chi è stato destinato ad una struttura di cura, le Rems vanno potenziate, questo è il problema».

Il docu-film “Io combatto”

Il docu-film “Io combatto” sarà proiettato nel corso di un convegno che si terrà a Roma martedì 12 novembre a Roma, presso la Fondazione Don Luigi Di Liegro, in via Ostiense. Moderato dalla psicologa specialista in Psicologia Giuridica Elisabetta Caponetti, all’incontro interverrà l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato e le persone che l’hanno affiancata in questa battaglia: Gabriella Stramaccioni, Garante Detenuti del Comune di Roma Capitale, Giusy Gabriele, Psichiatria Democratica e Giancarlo Di Rosa, avvocato di Loretta Rossi Stuart.

Chi è Loretta Rossi Stuart, la sorella di Kim

La sorella di Kim Rossi Stuart e la figlia di Giacomo, Loretta è un’attrice, una ballerina, una scrittrice e una coreografa italiana. Nata il 6 marzo 1968 la sua carriera ha inizio prestissimo, all’età di soli sei anni, interpretando insieme al fratello il ruolo dei figli di Giancarlo Giannini e Catherine Deneuve in “Fatti di gente per bene” di Mauro Bolognini.

Seguici su Google News

Back to top button