Cultura

Lea Vergine è morta a 24 ore di distanza dal marito Enzo Mari

LEA VERGINE in un framento di ‘Lievito madre – Le ragazze del secolo scorso’, realizzato a quattro mani con Esmeralda Calabria (Rai3 lo trasmetter‡ l’11 settembre in seconda serata). ANSA/RAITRE ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING

E’ morta per Covid a 24 ore di distanza dal marito. Lea Vergine, all’anagrafe Lea Buoncristiano, aveva 84 anni ed era una delle più importanti figure della critica d’arte a livello italiano ed internazionale. Il decesso è avvenuto all’ospedale San Raffaele di Milano il giorno dopo la morte del marito Enzo Mari, ricoverato anche lui nel medesimo istituto e deceduto per complicazioni legate al Covid. Napoletana, Vergine aveva conosciuto Mari negli anni sessanta quando erano entrambi sposati. Avevano vissuto insieme, accusati di concubinaggio, a Napoli, e poi lei si era trasferita nel capoluogo lombardo, fino a quando nel 1978 i due erano convolati a nozze.

Il ciuffo bianco, la sigaretta malandrina tra le dita, l’eloquio ironico e tagliente, Lea Vergine era stata tra le prime ad affrontare con energia e spirito di rottura l’avvento della fisicità e dell’azione performativa nel mondo dell’arte contemporanea. Tra Il corpo come linguaggio (1974) e L’altra metà dell’avanguardia (1980), Lea Vergine cesella il doppio cambiamento sia di sostanza nell’analisi delle nuove “opere d’arte” che nella firma a margine del gesto artistico mostrando la presenza cospicua delle donne tra gli artisti.

L’arte non è necessaria”, spiegava la Vergine in una lunga e ricca intervista video ad Artribune. “È il superfluo. E quello che ci serve per essere un po’ felici o meno infelici è il superfluo. Non può utilizzarla, l’arte, nella vita. ‘Arte e vita’ sì, nel senso che ti ci dedichi a quella cosa, ma non è che l’arte ti possa aiutare. Costituisce un rifugio, una difesa. In questo senso è come una benzodiazepina”.

Back to top button