Gossip e Tv

Lucio Dalla, la sua prima canzone Paff…Bum a Sanremo

Lucio Dalla, già sperimentato strumentista di fisarmonica e clarinetto, debutta come cantante al Festival di Sanremo con il brano Paff…Bum. al suo fianco nientedimeno che gli Yardbirds, leggendario gruppo-culla del blues rock inglese. Il pezzo, firmato da Reverberi e Bardotti, è bislacco, canzonatorio (il titolo vorrebbe simulare il battito del cuore quando incontra una ragazza!), ma allineato ai suoni dei tempi. Passerà praticamente inosservato.

Nello stesso anno Dalla pubblica il suo primo album, 1999. Un guazzabuglio di matrice jazz-pop, che alterna tracce brillanti, come la title track e la raffinata “Tutto il male del mondo” (riproposta più di trent’anni dopo col nuovo titolo di “Amici”), a esperimenti velleitari (“Lsd”, “Quando ero soldato”).
L’album è un fiasco e nei quattro anni successivi Dalla appare confuso, indeciso se proseguire nella sua opera di dissacrazione dei feticismi canzonettari o cedere alle sirene dell’industria discografica.

Nel 1967 partecipa di nuovo al Festival della canzone insieme ai Rokes con “Bisogna saper perdere” e fa da spalla addirittura a Jimi Hendrix nel concerto al Piper di Milano. Brani toccanti come “Lucio dove vai” (una sorta di auto-confessione ironica) e “Il cielo” dimostrano che il talento non l’ha abbandonato. E la sua tenacia è premiata nel 1970 dal primo successo come compositore: Gianni Morandi incide la sua “Occhi di ragazza” e la porta in vetta alle classifiche.

In questo stesso anno incide il suo primo album, 1999. Del 1971 è invece l’album Storie di casa mia, che include canzoni quali Il gigante e la bambina (scritta con Paola Pallottino), ItacaLa casa in riva al mare.

L’esordio di Lucio Dalla

La storia non può non iniziare il 4 marzo 1943. Oltre a segnare la nascita di Lucio Dalla, infatti, la data diverrà anche il titolo di uno dei suoi grandi classici, meglio noto come “Gesù Bambino”. Niente porti, però, né marinai a fargli da contorno, bensì la Bologna del dopoguerra, pronta a trainare l’Italia negli anni del boom. Lucio è un ragazzino sgraziato e irrequieto, con il pallino della musica. Suona il clarinetto, passando dal repertorio popolare emiliano al jazz di New Orleans. Inizia a esibirsi in pubblico fin da giovanissimo: sale da ballo a iosa, poi il jazz tradizionale, a Roma. Prima una breve militanza nella Reno Jazz Gang, poi l’approdo nella Second Roman New Orleans Jazz Band e infine nei Flippers, ensemble nato sotto l’egida del maestro Carlo Loffredo con, tra gli altri, Fabrizio Zampa, Massimo Catalano e Franco Bracardi.

Back to top button