Gossip e Tv

Maurizio Lastrico, chi è Filippo Cerasi della serie tv “Mady in Italy”

Maurizio Lastrico, noto comico ed attore, abbiamo imparato a conoscerlo sul palco di Zelig quando muoveva i primi passi nel 2009, per poi approdare alle fiction di successo ed al grande cinema. Nato a Genova nel 1979, si diploma a 19 anni come operatore turistico ed è già attivo nel mondo dello spettacolo, poichè si aggiudica il premio Cine In Città come Miglior Sceneggiatura del cortometraggio “Molto Piacere”

Maurizio Lastrico, da Zelig alle serie di successo

Nel 2006 si diploma presso la Scuola del Teatro Stabile di Genova e l’anno successivo entra a far parte del cast di “Camera Cafè” fortunata sitcom Mediaset, interpretando il personaggio il catatonico. La grande occasione arriva nel 2009 con Zelig Off recitando un monologo che rivisita la Divina Commedia. Il grande successo raggiunto nella trasmissione, lo portano l’anno successivo passa alla prima serata di Zelig, dove rimarrà per tre stagioni.

Parallelamente allo show di Canale 5, collabora con Radio 19 ed interviene in trasmissioni Rai e di La7 e porta avanti i suoi spettacoli di cabaret. Altro step importante è l’arrivo sul grande schermo, con il cameo in “Sole A Catinelle” di Checco Zalone e poi la fiction. Maurizio Lastrico diventa uno dei volti più amati di “Don Matteo” dal 2018 ed entra nel cast de “Le Iene”. Per RaiUno ha interpretato il ruolo di Andrea nel film tv “Io Sono Mia” al fianco di Serena Rossi e lo vedremo nei panni di Filippo Cerasi nella fiction “Made in Italy” in onda da stasera su Canale 5.

Immagine di copertina: Photo Credits: Profilo Instagram Maurizio Lastrico

Seguici su

Facebook

Metropolitan Gossip

Instagram

Twitter

nickyabrami

Siciliana trapiantata a Roma. Abbandonati gli studi universitari, ho girato e giro in lungo e largo l'Italia per amore della musica e per passare qualche giorno in compagnia dei miei amici e di un buon bicchiere di vino. Ho collaborato con magazine musicali scrivendo live report su vari artisti italiani e stranieri e da gennaio 2017 ho occhi solo per Metropolitan Magazine
Back to top button