Gossip e Tv

Miguel Bosé, chi è l’ex compagno Nacho Palau: “Una battaglia legale struggente”

Il cantante, attore e ballerino Miguel Bosé, pseudonimo di Luis Miguel González Dominguin, ha deciso di separarsi dal compagno Nacho Palau, scultore spagnolo.

«Niente di nuovo sotto il sole», potrebbe commentare qualcuno, «è normale che le coppie – etero o omo che siano – si separino»… e qui si potrebbe aprire un’ampia parentesi sul fatto che l’amore non è solo sentimento, ma innanzitutto volontà, e che le unioni eterosessuali hanno una prospettiva di durata temporale maggiore di quelle omo, ma rimaniamo su Bosé.

In tutta questa vicenda sono coinvolti infatti anche quattro bambini, che la coppia ha comprato tramite la pratica dell’utero in affitto. Il 27 aprile 2011 il cantante aveva annunciato di essere diventato “padre” di Diego e Tadeo. E il 29 giugno del 2013 aveva annunciato l’arrivo di un’altra coppia di gemelli, Ivo e Telmo, in realtà nati a sette mesi di distanza dai primi due. Dunque, quattro maschietti (e non è un proprio un caso che siano maschi, è molto frequente nelle persone omosessuali scegliere figli dello stesso sesso…) per due “papà”.

Ora, con la separazione della coppia, anche i figli verrano divisi: una coppia di gemelli andrà con Bosé in Messico, l’altra starà con Palau, probabilmente a Madrid. Per colmare la distanza, pare che i “genitori” faranno largo uso di Skype.

Miguel Bosé ha rilasciato una lunga intervista alla star della tv La Sexta, Jordi Évole da Città del Messico, in cui vive ora mentre fa in coach nel reality La Voz México. Si è dichiarato apertamente negazionista e ha invitato il giornalista a togliersi la mascherina. Quando questi gli fa presente che proprio sua mamma Lucia è morta di Covid, lui non ha dubbi: “Non è stato il virus a ucciderla, ma qualcos’altro… Se parlassi direi cose molto pericolose per chi doveva curarla”.

Quindi ricorda il suo passato: “Sì, ho vissuto anni selvaggi, nei quali scoprii la mia parte oscura. Droga, sesso bestiale, sostanze…”. Era la fine degli anni ’80 e lui aveva patito una delusione d’amore: “Chiamai alcuni amici e dissi loro: ho bisogno di fare festa. Ricordo il primo bicchiere, e poco dopo la prima striscia di coca. Gli effetti mi durarono una settimana”.

Un lungo contenzioso legale lo divide da Nacho Palau, il suo ex compagno con cui condivideva quattro figli nati da due madri surrogate. E lui lega la sua perdita della voce proprio alla separazione: “Lo so, la mia voce naturale va e viene. È un problema di natura emotiva. Ho cominciato a perdere la voce nel momento in cui la mia famiglia… Ok, non si chiama famiglia, diciamo che era un accordo di convivenza tra due persone che avevano avuto una relazione e che avevano deciso di mantenere buoni rapporti perché i loro bambini potessero continuare a crescere come fratelli… Ecco, quando questa relazione ha cominciato ad andare male, quando l’amore non esiste più e anche l’amicizia e la convivenza civile spariscono, quando tutto crolla… Nel mio caso per discrezione, responsabilità, anche per educazione, prima incassi tutto ma poi esplodi. Così per me sono incominciati problemi seri. Uno di questi è stata la voce: adesso almeno posso parlare, però sono arrivato proprio a non riuscire ad emettere suoni, zero”. Ma è convinuto di riuscire a tornare sul palco per la fine del 2022.

Seguici su Google News

Back to top button