Attualità

Milano: 2.000 ragazzi alla festa illegale davanti al liceo Da Vinci

Dopo la rissa in Piazza 24 Maggio, la strada davanti al liceo Leonardo Da Vinci in via Corridoni a Milano, si è trasformata nella pista da ballo di una festa illegale. Erano più di 2.000 i ragazzi che hanno partecipato.

Festa illegale davanti al liceo Da vinci di Milano. Erano più di 2,000 i ragazzi che hanno partecipato tra risse e alcool

Un sabato in cui a Milano la movida è stata indubbiamente protagonista.

Dopo la rissa in Piazza 24 maggio, nella strada davanti al liceo Leonardo Da Vinci in via Corridoni è stata organizzata, attraverso il passaparola sui social, una festa illegale in quanto assolutamente non autorizzata. Alla festa pare abbiano preso parte oltre 2.000 ragazzi, nel pieno non rispetto delle regole anti-Covid.

Qualcuno ha dichiarato: Avevamo organizzato tutto bene, ci sembrava un buon modo per fare amicizia. Ma sono arrivati in tantissimi, parevano migliaia, dai 14 anni in su, dalle scuole di tutta Milano. Era partita via social come la festa del Leo, si è gonfiata a dismisura, ed è degenerata”.

Ecco com’ è degenerata la festa

La prima chiamata al 118 è arrivata intorno alle 22.18 per una ragazzina di 15 anni, a cui era caduto un monopattino sul piede. Arrivati sul posto i primi soccorsi, la gravità della situazione è apparsa evidente.

C’era una folla di ragazzi molti dei quali erano già ubriachi, barcollavano e vomitavano. Molti erano arrivati prima delle 21,00, con bottiglie prese nei market della zona, altri avevano allestito banchetti per vendere birre e shottini. Alle 22,00, avevano già terminato le lattine, erano rimasti solo i bicchieri per gli shot.

Le ambulanze hanno riscontrato parecchie difficoltà a passare, per dare il primo soccorso. Le persone che dovevano essere soccorse, non si riuscivano a trovare, bisognava cercarle e nel mentre se ne dovevano soccorrere anche altre, in uno stato di evidente bisogno di aiuto.

Nel mentre si sono moltiplicate anche le chiamate ai Carabinieri ed alla Polizia. Alle 22,21, chiamano per due ragazzine di 14 anni, ed un compagno di 17, con un “intossicazione etilica”, a mezzanotte crollano a terra altre due 15 enni. Una delle due ha rifiutato l’aiuto dei sanitari ed è stata riconsegnata a casa al padre, mentre l’altra, la quale era anche caduta sbattendo la testa, è stata trasportata per un controllo alla clinica Marchi.

Una ragazza racconta “una tipa l’hanno derubata, fatta cadere e calpestata. E uno siccome era incosciente ha iniziato a baciarla. Il suo amico alla fine se ne è accorto e si sono menati”.

Back to top button