Esteri

Nepal: nessun superstite per l’aereo precipitato

Lutto nazionale, a seguito di quello che si ritiene essere l’incidente aereo più mortale in Nepal negli ultimi tre decenni.

L’aereo ATR72, è precipitato a Pokhara in Nepal. A bordo erano presenti 68 passeggeri e quattro membri dell’equipaggio. Da quanto detto da un funzionario locale, ormai nessuna speranza di trovare superstiti fra le persone a bordo dell’aereo. Proseguono le ricerche dei dispersi e della scatola nera. Tek Bahadur KC, capo del distretto di Taksi, dove l’aereo è precipitato, ha detto:

Finora abbiamo raccolto 68 corpi. Stiamo cercando altri quattro corpi… Preghiamo per un miracolo. Ma le speranze di trovare qualcuno vivo sono nulle“.

I dettagli del disastro: “L’aereo è andato in pezzi”

Il luogo dell'incidente in Nepal -Photo Credits: Ilpost.it
Il luogo dell’incidente in Nepal -Photo Credits: Ilpost.it

Per il piccolo Paese dell’Asia meridionale, è il disastro aereo più grave degli ultimi trent’anni. L’aereo, operato dalla Yeti Airlines nepalese, si è schiantato poco prima dell’atterraggio, precipitando a solo un chilometro e mezzo dall’aeroporto internazionale di Pokhara. Famosa meta turistica a 200 chilometri dalla capitale Katmandu, da dove era partito.

L’autorità per l’aviazione civile locale ha comunicato che tra le persone a bordo, c’erano: 37 uomini, 25 donne, tre bambini e tre neonati. Tra questi c’erano 15 stranieri: cinque provenienti dall’India, quattro russi, due sudcoreani, un australiano, un argentino, un irlandese e un francese. Non risultano italiani. Come ha spiegato il portavoce dell’esercito: “L’aereo è andato in pezzi”. Dai soccorritori è stato recuperato il corpo di un neonato di pochi mesi. Per ora sono ancora sconosciute le cause dell’incidente.

Nepal, gli attimi prima dello schianto

Il bi-elica, che volava da circa 15 anni, è caduto durante l’avvicinamento. Lo scalo himalayano era stato inaugurato solo due settimane fa. Il velivolo era decollato alle 10.30 (ora locale) e ha avuto l’ultimo contatto con la torre di controllo alle 10.50. Lo schianto (filmato qui da un passeggero) è avvenuto sulle rive del fiume Seti Gandaki. Come documentato da tante immagini e video (qui il link), il pilota ha effettuato una brusca e improvvisa manovra, per evitare di colpire le case. Un testimone che ha visto in diretta lo schianto, ha detto:

Il pilota ha fatto del suo meglio per non colpire le case. C’era solo un piccolo spazio dove non ci sono abitazioni, proprio accanto al fiume Seti e l’aereo è finito lì. Quando sono arrivata sul luogo dell’incidente era già pieno di gente. L’aereo era in fiamme, c’era tanto fumo. E poi gli elicotteri sono arrivati, in pochissimo tempo“.

L’Atr 72, come osservato dal portavoce militare, è caduto in una gola di 300 metri: “quindi è difficile recuperare le vittime rimaste tra i rottami”.

Nepal: le piste d’atterraggio più difficili del pianeta

A seguito dell’incidente, per indagare sulle cause, il primo ministro nepalese Pushpa Kamal Dahal ha convocato una riunione di emergenza e formato una commissione d’inchiesta. L’industria aerea nepalese ha aumentato particolarmente le sue attività negli ultimi anni. In Nepal ci sono alcune delle piste d’atterraggio più difficili e remote del pianeta. Inoltre sono presenti cime innevate con discese che mettono costantemente alla prova i piloti più esperti.

Nel paese, come affermano gli operatori aerei, non è possibile avere previsioni meteorologiche accurate, in quanto non ci sono infrastrutture. Specialmente nelle aree con terreno montuoso impegnativo dove in passato si sono verificati incidenti mortali.

Mariapaola Trombetta

Seguici su Google News

Back to top button