Tennis

Next Gen ATP Finals: Musetti eliminato da Korda che vola in semifinale

Si ferma qui la corsa di Lorenzo Musetti alle Next Gen ATP Finals di Milano. Il carrarese viene sconfitto in tre set da un pressoché perfetto Sebastian Korda che si qualifica come primo nel girone davanti a Baez. In semifinale per lo statunitense sarà derby contro Nakashima, mentre l’argentino se la vedrà con Alcaraz.

Un Korda in versione schiacciasassi troppo forte per Musetti

Nel primo set Korda parte carico a pallettoni, deciso a vincere un parziale che gli permetterebbe di essere con un piede e mezzo in semifinale. Al servizio lo statunitense è intoccabile: mette in campo 10 prime su 14 vincendole tutte, perdendo solo due punti sulla seconda. Musetti, sebbene cerchi di non ribattere troppo dietro la riga, non trova mai una risposta che veramente metta in difficoltà l’avversario. Al servizio risulta fatale il break subito nel terzo game, colpa anche di una prima che fatica a entrare e di un doppio fallo sanguinoso. Korda, che piazza sette vincenti nei sei game giocati, è bravo ad amministrare il vantaggio e chiudere sul 6-2.

Le due palle break concesse da Musetti in apertura di secondo set rivelano le difficoltà correnti del carrarese nel trovare incisività alla battuta. Korda invece continua algido a servire senza pietà, trovando tante prime e non lasciando solamente un “15” all’avversario in tre turni di servizio. Lorenzo riesce a tenere stretta la battuta fino al tie-break, primo momento della partita giocato alla pari con lo statunitense. Il figlio di Petr gioca più seconde e l’azzurrino effettua due contro-mini-break restando francobollato all’avversario. Le difficoltà al servizio però pesano anche per lui e Korda trova un terzo vantaggio che questa volta riesce a mantenere chiudendo sul 7-4.

I terzo set è quasi interlocutorio, visto che con il set vinto precedentemente Korda si è assicurato il primo posto nel gruppo B, ma una vittoria è pur sempre una vittoria e i due protagonisti se la giocano, seppur non ai ritmi visti fino a quel punto. Korda, neanche a dirlo, non lascia neanche le briciole a Musetti quando serve (chiuderà la partita col 90% di punti vinti sulla prima e 81% sulla seconda), mentre in risposta non riesce a guadagnare palle break fino al sesto game. Qui il diciannovenne toscano arriva senza più un briciolo di motivazione e dopo un’ora e dieci di gioco consegna la vittoria a Korda.

ENRICO RUGGERI

Photo Credit: via Twitter, @federtennis

Seguici su Metropolitan Sport

Back to top button