Musica

Noyz Narcos, il suo album “Virus” è il secondo più ascoltato al mondo

Adv
Adv

Spotify ha reso nota la classifica degli album più ascoltati al mondo e subito dopo Cordae con From a Birds Eye View, troviamo il rapper italiano Noyz Narcos con Virus. Il successo del cantante, considerato da molti una “variante del rap”, viene raccontato nel documentario “Dope Boys Alphabet” su Amazon Prime.

Il successo di Noyz Narcos

Nella classifica degli album più ascoltati da venerdì scorso su Spotify, compare Virus del rapper romano in voga Noyz Narcos, dietro solo a Cordae e succeduto da Gzuz con Grosse Freiheiet, i Lumineers con il loro Brightside e FKA twigs con il mixtape Caprisongs.

Parliamo di un artista italiano, classe 1979, che gode di una ricca carriera onorata da svariate collaborazioni anche internazionali, lui con la musica è riuscito sempre a raccontarsi in modo diretto.
Noyz Narcos, pseudonimo di Emanuele Frasca, è spesso descritto come “crudo e violento”, anche a causa delle tematiche che decide di affrontare, ma che non gli hanno impedito di raggiungere l’ennesimo successo.

Temi cupi, citazioni prese da film orrore, è ciò che si ascolta dalle sue canzoni, influenzate anche dal genere punk metal. Un connubio personale che lo contraddistingue, lo rende riconoscibile, e che lo ha sicuramente portato ad essere un’innovazione nel campo del rap, quando si pensava che non ci potesse più essere.
Narcos ha preso ispirazione dalla musica internazionale di Necro, dei The Diplomats e degli Iron Maiden, ma con l’ultimo album Virus, ha scelto di continuare a sperimentare.

L’album infatti vanta anche canzoni quasi romantiche, che riescono a colpire la sfera emotiva delle persone, ma riesce a farlo rimanendo comunque fedele a sé stesso; senza perdere il suo timbro prova ad ampliare il suo pubblico, e a coinvolgere sempre più persone.
Il suo genere sembra non voler morire mai, ma anzi continua a rinnovarsi ed ad andare oltre i suoi stessi limiti.

La ricchezza contenuta in Virus, tra lo stile “di sempre” e un altro sicuramente nuovo, lo ha sancito come secondo disco più ascolto al mondo su Spotify; solo l’ultimo successo del rapper che ha scelto di raccontare tutta la propria carriera, iniziata negli anni ’90 con i TruceKlan, nel documentario Dope Boys Alphabet, disponibile su Amazon Prime.

Seguici su Metropolitan Magazine:

Adv
Adv

Related Articles

Back to top button