Cinema

Occhiali Neri: il film italiano farà parte del Berlinale Special Gala 2022

Adv
Adv

Il nuovo film thriller di Dario Argento sarà proiettato per la prima volta al Berlinale FIlm Festival.

Occhiali neri avrà la sua prima al Berlinale.


Alla 72ma edizione del Festival Internazionale del Cinema di Berlino sarà presentato nella sezione Berlinale Special Gala il film di Dario Argento Occhiali Neri con Ilenia Pastorelli, Asia Argento, Andrea Gherpelli e Xinyu Zhang. Dopo dieci anni lontano dal set, dopo l’incompreso Dracula del 2012, Dario Argento è tornato dietro alla macchina da presa con Occhiali neri, nuovo thriller che verrà proiettato in anteprima mondiale alla prossima Berlinale 2022, sezione Special Gala.

Il ruolo della protagonista sarebbe dovuto andare alla figlia del regista. Già diretta dal padre in cinque film, Asia avrebbe dovuto essere la star del film con cui il padre torna sulle scene. Ma la scorsa estate, per motivi non ben specificati, l’attrice ha abbandonato il progetto. L’immaginazione corre subito a qualche diverbio, il loro rapporto è infatti sempre stato molto complicato. C’è da dire che l’arrivo di Ilenia Pastorelli sembrerebbe avere avuto la benedizione di Asia. L’attrice di Lo chiamavano Jeeg Robot ha infatti citato Asia su un post di Instagram: «Grazie a Dario ho fatto una delle esperienze di recitazione più belle e intense della mia vita. Interpretare una donna non vedente è stato un viaggio nell’oscurità che ha illuminato sicuramente altri aspetti di me. Ringrazio anche Asia, senza di lei probabilmente tutto questo non sarebbe accaduto».

La trama del film:

Roma. L’eclissi oscura il Sole in una torrida giornata di estate. E’ il presagio del buio che avvolge Diana quando un serial killer la sceglie come preda. La giovane escort, per sfuggire al suo aggressore, va a schiantarsi contro una macchina, perdendo la vista. Dallo choc Diana riemerge decisa a combattere per la sua sopravvivenza, ma non è più sola. A difenderla e a vedere per lei adesso ci sono Nerea, il suo cane lupo tedesco, e il piccolo Chin, sopravvissuto all’incidente. Il bambino cinese con i suoi grandi occhi, la voce dolce dall’accento straniero, il carattere di un ometto indipendente e indifeso allo stesso tempo, la accompagnerà nella fuga. Ossessionati dal sangue che li circonda, saranno uniti dalla paura e dalla disperata ricerca di una via di scampo, perché l’assassino non vuole rinunciare alle sue prede. Riuscirà a salvarsi?

Enrica Nardecchia

Adv
Adv

Related Articles

Back to top button