Riscattare una stagione con più ombre che luci e provare la risalita in Serie A: questo sarà l’obiettivo del Chievo Verona, eliminato in semifinale playoff dallo Spezia, squadra che poi ha ottenuto la promozione in massima serie. Per dare l’assalto alla promozione, la società clivense si sta muovendo sul calciomercato: per il reparto offensivo l’obiettivo primario diventa Stefano Pettinari.

Pettinari, il Chievo entra nella corsa al bomber del Trapani

Autore di ben 17 reti nello scorso campionato con la maglia del Trapani, Stefano Pettinari è sicuramente uno degli attaccanti con più richieste sul mercato. I gol dell’attaccante romano classe ’92 non sono bastati ad evitare la retrocessione in Serie C della squadra siciliana, che molto probabilmente, davanti all’offerta giusta, lascerà partire il centravanti. Nelle ultime settimane molte squadre hanno manifestato interesse nei confronti di Pettinari: dal Vicenza, alla Salernitana passando anche per il Catania ma non solo. Ora, anche il Chievo Verona, secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, starebbe allacciando i contatti con il Trapani per provare ad acquistare l’attaccante scuola Roma.

Pettinari Lapresse
Photo credits: Jennifer Lorenzini/LaPresse

Chievo, obiettivo risalita

Non è stata una stagione semplice quella del Chievo Verona. Al ritorno nel campionato cadetto dopo 11 anni di Serie A, ci si aspettava un campionato di vertice: così non è stato. Dopo l’esonero, nel mese di marzo con la squadra all’ottavo posto, del tecnico Michele Marcolini, al ritorno in campo post-Covid il nuovo Chievo di Alfredo Aglietti ha chiuso la regular season al sesto posto, qualificandosi per i playoff. Superato l’ostacolo Empoli, il sogno promozione si è infranto nel doppio confronto con lo Spezia. Confermato Aglietti in panchina, il club gialloblù sta operando sul calciomercato per allestire una rosa che possa competere per la promozione diretta. Ufficializzato Luigi Canotto, ora Stefano Pettinari diventa, in questa direzione, un altro obiettivo importante per il reparto offensivo.

Seguici su Facebook!

© RIPRODUZIONE RISERVATA