Cinema

“Rambo: Last Blood”, la fine della saga dedicata al mito di una generazione

La serata di Italia 1 propone la prima visione del quinto film della saga dedicata al veterano del Vietnam diventato un mito cinematografico: Rambo. “Rambo: Last Blood” è un titolo che, per chiudere il ciclo, ritorna alle origini.

La prima pellicola, diretta nel 1985 da Ted Kotchoff, riportava infatti il titolo di “Rambo (First Blood)“, primo sangue. Un filo rosso che unisce inizio e fine nel segno della violenza, della lotta per la sopravvivenza e, letteralmente, del sangue.

“Rambo: Last Blood”: il ritorno dell’eroe

La premessa del film è cosa già vista: l’uomo duro che sente di aver già combattuto le proprie battaglie, si è ritirato a vita privata. C’è l’elezione di una dimensione “altra” in cui si può proteggere la propria più intima sfera personale dall’azione sfrenata e dai traumi del passato. Ma neanche il mito di Sylvester Stallone può sfuggire al passato…

Quello del ritorno dell’eroe nell’occhio del ciclone, dopo l’abbandono della vecchia via è un paradigma che mette in risalto la statura morale del protagonista. Questo perchè se un individuo forte e deciso sceglie di tornare sui suoi passi e tornare a rischiare la vita, questo può voler dire solo due cose.

Uno, che si sta delineando una minaccia che non si può ignorare. Due, che questa minaccia fa leva sul sistema valoriale del protagonista, chiamandolo irrimediabilmente in causa. In questo caso, il senso del dovere che richiama Rambo all’azione lo umanizza in modo particolare perchè ha a che fare con la difesa della Famiglia, intesa in senso lato.

La famiglia

Siamo nella campagna dell’Arizona e Rambo vive gestendo l’allevamento di cavalli del padre. Ambiente bucolico e, soprattutto, familiare che condivide con l’amica Maria e sua nipote Gabrielle. È proprio per via della giovane che Rambo torna a fare i conti con il passato.

È lei il tassello che viene sottratto dall’equilibrio pastorale dell’eroe, che si troverà a scontrarsi con un cartello messicano, cercando vendetta. Per assistere alla chiusura (per ora) del ciclo di Rambo, stasera Italia 1 regala il film diretto da Adrian Grunberg a partire dalle 21.20.

Debora Troiani

Seguici su : FacebookInstagramMetròLa Rivista Metropolitan Magazine

Adv
Adv

Debora Troiani

Laureata in Lingue, Letterature, Culture e Traduzioni alla Sapienza, studio ora Editoria e Scrittura, con un curriculum orientato al giornalismo. Sono una grande appassionata di lingue e letterature straniere (soprattutto russa e tedesca), di teatro, cinema e in generale di forme d'arte impegnata che affronta temi sociali.
Adv
Back to top button