Continua la battaglia tra Ray Fisher, interprete di Cyborg in Justice League, e la Warner Bros., con Jason Momoa che si unisce alla discussione.

Negli scorsi mesi, Ray Fisher, interprete di Cyborg in Justice League, aveva parlato del clima che si respirava sul set. Affermò che sia lui che il cast e la crew tecnica erano stati trattati molto male, in special modo dal co-regista Joss Whedon. Proseguì asserendo che, nel suo particolare caso, erano state fatte anche minacce alla sua carriera dai produttori Jon Berg e Geoff Johns. La Warner, attraverso un comunicato, aveva asserito che Fisher aveva portato ciò alla loro attenzione, ma che nonostante la loro volontà di investigare sulla faccenda, l’attore si era rifiutato di collaborare. Cosa rivelatasi parzialmente inaccurata, dato che Fisher avrebbe risposto all’investigatore assunto dall’azienda, ma ne avrebbe rifiutato l’aiuto perché convinto che il suo contributo sarebbe stato viziato. Oggi, Fisher rilancia con nuove dichiarazioni, con Jason Momoa (interprete di Aquaman) che gli presta la spalla.

Ben Affleck usato per “seppellirlo”

Di recente, la Warner ha annunciato il ritorno di Ben Affleck nel ruolo di Batman per il film dedicato a Flash. La notizia è di discreta importanza, poiché non solo è già previsto un reboot del Cavaliere Oscuro con Robert Pattinson protagonista, ma anche perché Affleck aveva dichiarato di non voler tornare a interpretare il ruolo. A detta di Fisher, però, questo è solo uno stratagemma per distrarre il pubblico dalle sue dichiarazioni.

In uno stato su Twitter, Fisher fa notare come l’annuncio (poi rivelatosi falso) della Warner riguardo Jason Momoa protagonista nel film Frosty the Snowman fosse stato usato per coprire le dichiarazioni di quest’ultimo su Justice League. “Credo sia fo*****mente folle che questa gente abbia fatto un annuncio falso su Frosty senza il mio permesso per provare a distrarre tutti da ciò che Ray Fisher sta dicendo riguardo il modo di me**a in cui ci hanno trattato durante i reshoot di Justice League.” aveva dichiarato Momoa su Twitter.

Proseguendo, Fisher ha anche aggiunto che l’annuncio di Batman in Flash (film in cui, per altro, Cyborg potrebbe comparire), sarebbe anch’esso stato fatto per distrarre il pubblico. In effetti, la notizia era nota dal 20 agosto, ma al contempo, va osservato che il secondo appuntamento di DC Fandome era stato registrato. Il tutto potrebbe anche essere dovuto ad un pessimo tempismo da parte della Warner.
Nonostante maggiore chiarezza, dovuta alle dichiarazioni anche di Momoa, rimangono ancora punti oscuri nella faccenda. Non ci rimane che aspettare ulteriori informazioni.

Seguici su Facebook!

© RIPRODUZIONE RISERVATA