Cultura

Raymonda, il balletto medievale tra amori e cavalieri

Nella rubrica settimanale Passi di danza tratteremo del balletto classico Raymonda, andato in scena per la prima volta in assoluto il 19 luglio 1898.

La trama di Raymonda

Raymonda balletto classico photo credits wikipedia
Raymonda

Raymonda è un balletto classico di creazione di Marius Petita, maitre de ballet dei Teatri imperiali di San Pietroburgo. Si volge in tre atti e quattro scene. È stato rappresentato per la prima volta al Teatro Mariinsky alla fine del 1800, e non ha mai smesso di essere mandato in scena. Il balletto, coreografato sulle musiche del compositore Alexander Glazunov, e stato messo in scena per l’American Ballet Theatre e il Balletto dell’Opéra di Parigi. Il libretto è stato scritto da Petipa, in collaborazione con la giornalista Lydia Pashkova.
La trama di Raymonda sembra all’apparenza molto semplice, ma in realtà è ricca di intrecci e situazioni inaspettate, che vengono espressi attraverso Pas de Dix o Grand Pas Classique Hongrois. Questo passo in particolare viene spesso rappresentato in modo a se stante rispetto al resto del balletto intero, solamente nel terzo atto.
Il successo di Raymonda è dovuto non soltanto all’aspetto coreografico, ma anche ad una musica gradevole, caratterizzata dai tratti semplici e delicati. I movimenti che seguono questa musica servono invece a far risaltare le abilità dei ballerini solisti.
La vicenda, ispirata ad una leggenda cavalleresca, è ambientata principalmente in Provenza durante il periodo medioevale. La protagonista della storia Raymonda è promessa sposa del principe Jean de Brienne. Il cavaliere è però costretto a partire per le crociate, mentre Raymonda rimane da sola ad attendere il suo amato. Tra i due innamorati si intrappone il crudele saraceno Abderman, che insidia la fanciulla. Soltanto alla fine i due innamorati riescono a ricongiungersi. Infatti dopo la sconfitta definitiva degli infedeli, il principe riuscirà a riconquistare definitivamente l’amore di Raymonda.

Sonia Faseli

Segui su Google News

Back to top button