Sport

Razzismo, l’NFL stanzia 250 milioni di dollari per combatterlo

Il razzismo e l’abuso di potere da parte delle forze dell’ordine non sono di certo delle novità in territorio statunitense. L’NFL, seppure negli ultimi tempi sia stata messa sotto accusa a causa di alcuni episodi controversi, ha annunciato giovedì di volersi impegnare nella lotta al razzismo ed alle ingiustizie nei confronti di cittadini afroamericani.

A riportare la notizia è stata Judy Battista di NFL.com, la quale ha spiegato che la lega ha intenzione di investire la considerevole somma di 250 milioni di dollari, nei prossimi 10 anni, per finanziare movimenti e associazioni attive nella lotta al razzismo.

L’NFL ha già dovuto fronteggiare situazioni simili, soprattutto quando ci furono le proteste da parte di alcuni giocatori (tra cui Colin Kaepernick) durante l’inno nazionale prima degli incontri.
La questione era sempre la stessa: l’abuso di potere delle autorità nei confronti degli afroamericani. Ed ora, dopo la morte di George Floyd e le violente proteste che si sono susseguite, la situazione è degenerata.

Una fonte vicina alla lega ha dichiarato ad NFL.com che, al contrario di quello che sembra, l’NFL è anche disposta a collaborare proprio con Colin Kaepernick, il quale è ancora senza contratto, essendo stato allontanato dopo aver iniziato la protesta.

Razzismo NFL 250 milioni

“Non saremmo mai arrivati a questo punto senza il contributo di Colin e di altri giocatori che hanno deciso di sposare la sua causa. Avremmo dovuto ascoltare quei giocatori e avremmo dovuto farlo molto tempo fa. I giocatori sono un punto di riferimento per questa battaglia. Sarebbe fantastico collaborare con Colin in questo senso. Sta facendo un lavoro molto importante. C’è comunque molta strada da fare per arrivare all’obiettivo, ma noi siamo pronti a farla”.

Proprio la scorsa settimana, inoltre, Goodell aveva usato queste stesse parole dopo essersi reso conto di non aver accolto prima le proteste dei giocatori a causa del razzismo e delle ingiustizie che dilagavano in alcune zone degli Stati Uniti.

La lega aveva inoltre finanziato, con altri 44 milioni di dollari, diverse associazioni e organizzazioni che si occupavano proprio della lotta a queste vere e proprie piaghe sociali.

Ami il football e vorresti iniziare a scrivere degli articoli? Il nostro team è in costante ricerca di appassionati che hanno voglia di mettersi in gioco. Contattaci subito sulla nostra pagina Facebook ed entra a far parte del team di Metropolitan!

Leggi anche: Giocatori preoccupati di tornare ad allenarsi

Foto nell’articolo: Loren Elliott/Reuters

Back to top button