Formula 1

Red Bull, Verstappen e Perez: “Non possiamo essere dietro Mercedes”

Adv

Allarme rosso in casa Red Bull, con Max Verstappen e Sergio Perez che hanno sollevato forti critiche alla vettura dopo la fine di un venerdì piuttosto anonimo. La casa del toro, infatti, non dovrà competere soltanto con l’avversario Ferrari: sotto al caldo sole di Montmelò, infatti, si è ritrovata una Mercedes formato Freccia d’Argento.

Red Bull, rabbia palpabile per Verstappen e Perez

È un Max Verstappen ombroso quello che si è presentato davanti a microfoni dopo la fine delle Libere 2 del Gran Premio di Spagna. Il campione del mondo olandese è deluso dalle prestazioni della sua Red Bull che, attualmente, si è dovuta accodare anche dietro alle Mercedes:

È stato un po’ complicato trovare il corretto bilanciamento con questo caldo. Abbiamo chiaramente un po’ di lavoro da fare per sistemare il giro secco, mentre i long run sembrano abbastanza buoni. Al momento sono soddisfatto. Questo è un tracciato complicato per le gomme e chiaramente non siamo ancora al top in termini di bilanciamento. La cosa positiva è che il meteo sarà costante per tutto il weekend, quindi potremo partire dai dati odierni per lavorare“.

Sulla stessa lunghezza d’onda del compagno di squadra è Sergio Perez che ha posto l’accento, ulteriormente, sul degrado delle gomme. Il messicano non è per niente soddisfatto del primo antipasto di un weekend che dovrà migliorare a partire da oggi:

Il degrado è stato un fattore importante. Non è stato semplice fare due giri con la stessa velocità perché questa è una pista dove hai un solo giro a disposizione con le gomme. Con alto carico di carburante abbiamo le idee chiare, mentre con poca benzina dobbiamo trovare il giusto compromesso perché è difficile mettere insieme due giri. Bisogna trovare il giusto bilanciamento ed è piuttosto difficile. Spero che stasera potremo fare un passo avanti per poter fare in modo di essere competitivo in qualifica“.

(Credit foto – pagina Facebook Red Bull Motorsports)

Related Articles

Back to top button