Cultura

Roberto Saviano, il coraggioso scrittore compie gli anni

Roberto Saviano, un nome che da anni fa discutere. Amato, odiato, discusso. Quando si parla di lui non esistono vie di mezzo. Un uomo che ha rischiato parlando nel suo romanzo Gomorra della camorra, facendo nomi e cognomi. Uno scrittore di personalità che non ha mai smesso di compiere quella che ormai è la sua missione, quella di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle brutalità della criminalità organizzata campana. Costretto a vivere sotto scorta da ormai molti anni, non rinuncia al suo obiettivo, quello di aprire gli occhi all’Italia intera.

Roberto Saviano, dalle origini all’inaspettato successo di Gomorra

Roberto Saviano nasce a Napoli il 22 Settembre del 1979 ed è uno degli scrittori più stimati e rispettati all’estero. Inizia la sua carriera sul finire degli anni 90′ scrivendo sul settimanale di estrema sinistra Il bolscevico con l’acronimo di Roberto Ercolino. L’esperienza dura fino al 2001, quando decide di interrompere i rapporti con il giornale.

L’esperienza gli consente di poter collaborare con altri numerosi giornali, tra cui Pulp, Diario, Il Manifesto, Nazione Indiana e Il Corriere del mezzogiorno. Dopo queste esperienze decide di concentrarsi maggiormente sul giornalismo di denuncia e nel 2006 esce Gomorra, il romanzo che nel bene e nel male cambia per sempre la sua vita.

Riceve minacce di morte da parte del clan criminale dei Casalesi, e per questo motivo gli viene affidata la scorta il 13 Ottobre 2006.

Saviano tuttavia è di tempra forte e continua a lavorare alacremente sulla denuncia delle barbarie della criminalità organizzata. Gomorra mette su di lui, oltre che il mirino dei Casalesi, una lente di ingrandimento inaspettata.

Inizia quindi a collaborare con numerosissime testate giornalistiche di tutto il mondo, ed anche le sue apparizioni televisive aumentano.

Sky, in seguito al successo del romanzo, ne realizza una trasposizione cinematografica di successo con Salvatore Esposito. Saviano stesso collabora come sceneggiatore alla fortunata serie TV.

Su di lui tuttavia pendono anche procedimenti giudiziari. Durante questi anni ha ricevuto condanne per plagio e diffamazione ai danni dell’imprenditore Vincenzo Boccolato, accusato ingiustamente di far parte di un giro di traffico di sostanze stupefacenti.

Saviano è uno dei personaggi più discussi e che ormai dal 2006 fa parte della vita quotidiana di tutti noi. Per molti eroe, per altri diffamatore, è sicuramente riuscito ad accentrare l’occhio dell’opinione pubblica sullo spinoso problema della criminalità organizzata. Il suo coraggio lo ha portato a dover vivere sotto scorta da sedici anni, e questo purtroppo è un tragico dato di fatto.

Andrea Pastore

Seguici su Google News

Back to top button