Continua la paralisi totale del nostro calcio e mentre si studia un piano per la ripresa, le squadre pensano al prossimo calciomercato. Resta difficile provare a pensare al futuro, con un finale di campionato ancora da giocare che potrebbe modificare considerazioni ed equilibri generali. Pianificazione attenta e solide basi per la prossima stagione: questi possono essere gli ingredienti della ripartenza. La Roma, con una situazione societaria tutt’altro che definita, tra riscatti e nuove idee, tenta di elaborare un piano per ripartire con il piede giusto e migliorare ulteriormente nella prossima stagione.

Le difficoltà generali

Abbiamo già ripercorso in queste settimane le difficoltà societarie dei giallorossi. Come abbiamo visto, il Coronavirus ha sconvolto i piani societari, frenando la trattativa, ormai ai dettagli, tra Pallotta e Friedkin. Le contrattazioni non sono terminate, come dichiarato dallo stesso Pallotta, ma le cifre dovranno essere inevitabilmente riviste. L’immobilismo totale determinato dal virus impedisce di pianificare il futuro e le parti non hanno fretta di accelerare una trattativa tutt’altro che semplice. Solo la ripresa del calcio giocato potrebbe sbloccare la situazione, determinando quella fumata bianca tanto attesa tra il presidente della Roma e l’imprenditore nato a San Diego.

Come riportato dal Sole 24 ore, l’analisi del primo bilancio trimestrale dei capitolini registra un pesante passivo. Tutte le società quotate in borsa hanno registrato delle perdite, ma la più gravosa è stata proprio della Roma. Nemmeno le plusvalenze gonfiate hanno risolto la situazione e il Coronavirus non potrà che peggiorare ulteriormente i dati raccolti. Aumento di capitale: questa potrebbe essere la parola chiave per risolvere i problemi più immediati. Proprio Pallotta potrebbe, infatti, continuare momentaneamente ad investire nel club. Aumento di capitale, taglio degli stipendi e cessione di esuberi che gravano sul bilancio ma non aiutano dal punto di vista tecnico: questo il piano per l’immediata ripresa.

Roma: spunta una nuova idea

Le incertezze per il futuro aumentano, ma qualora la stagione riprendesse, i giallorossi dovranno riprendere a correre sin da subito. Dopo un inizio di anno disastroso, la squadra di Fonseca, prima della terribile pandemia, aveva concluso il suo percorso con due importanti vittorie. Raggiungere la Champions league ( con i benefici economici che derivano da questa) e proseguire l’avventura in Europa league: questi gli obiettivi più importanti da inseguire. Intanto, Petrachi prova a guardarsi intorno, segnando nuovi nomi sul suo taccuino e preparando una strategia per la prossima stagione.

Sono diversi i giocatori accostati ai giallorossi in queste settimane, perlopiù calciatori in scadenza. Prendere calciatori a parametro zero: questa potrebbe essere la nuova strategia da seguire, specialmente in un periodo di difficoltà per le società italiane. Dopo le suggestive ipotesi di Gotze e Pedro, due nomi che fanno gola alla piazza, spunta una nuova idea di calciomercato. Le complicazioni sul riscatto di Mkhitaryan ( con le richieste dell’Arsenal che si stanno alzando) e gli acciacchi continui del trequartista armeno, impongono ai giallorossi di guardarsi intorno e di esplorare una lista di nomi che potrebbero sostituirlo.

Bernard si propone alla Roma?

Come riporta Calciomercato.com, la nuova idea della Roma è Bernard, brasiliano tuttofare dell’Everton. Dopo cinque stagioni passate in Ucraina nello Shakthar Donetsk, il brasiliano classe 92′ ha provato il grande salto, trasferendosi in un campionato ambito come la Premier. Con la squadra di Liverpool, il centrocampista, tuttavia, non è riuscito ad esplodere o comunque a ripetere le esaltanti prestazioni registrate in Ucraina. Il campionato fisico inglese non esalta pienamente le sue caratteristiche, che lo rendono comunque un calciatore estremamente interessante. Dotato di ottime capacità tecniche, Bernard è un calciatore veloce e duttile, capace di aggredire la fascia con pericolosità. Nel 4-4-2 di Ancelotti si colloca prettamente a sinistra, ma è in grado di giocare anche come trequartista. In questa stagione non ha giocato moltissimo, registrando 19 presenze in campionato, molto spesso da subentrato e 3 gol.

Dopo aver sondato Ismaily nella scorsa finestra estiva, il ventaglio di calciatori ex Shakthar corteggiati dalla Roma continua ad essere particolarmente ampio. Bernard, infatti, è stato già allenato da Fonseca in Ucraina e proprio il portoghese è riuscito ad esaltarlo in modo particolare. Il valore del calciatore, nonostante le poche presenze attuali, resta relativamente elevato grazie anche all’esperienza internazionale. Bernard può infatti vantare diversi gettoni anche in Champions league, oltre a 14 presenze con la Nazionale verdeoro, con la quale ha preso parte alla Confederations Cup vinta nel 2013 e al Mondiale del 2014. Il suo valore, infatti, si aggira ancora tra i 18 e i 20 milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA