BRAVE

Sanremo 2022, Checco Zalone accusato di transfobia dalla comunità Lgbt

Arcigay e la comunità Lgbt accusano Checco Zalone : “Non è stato un discorso contro la transfobia, hai fatto un circo sulle persone trans” si legge in post su Facebook e nel Web. Nella seconda serata del Festival di Sanremo, il comico pugliese ha recitato con Amadeus una fiaba, una sorta di Cenerentola in chiave trans*. La storia è ambientata in Calabria: Oreste, transessuale brasiliano, viene invitato al ballo di corte del re. Il principe calabrese se ne innamora, ma il re e padre omofobo – “cliente affezionato” di Oreste – rifiuta l’unione dei due. Tutto viene raccontato tra le battute e le risate di Amadeus e Checco Zalone, che imita in modo grottesco la voce del transessuale brasiliano. Uno sketch che viene inscenato nella prima parte della serata della kermesse e dopo il monologo di Lorena Cesarini sul razzismo. Il discorso del comico pugliese fin da subito divide i social, Twitter si spacca tra chi difende il comico e il suo essere “pungente, provocatore” e chi lo critica per aver portato sul palco i soliti stereotipi sulle persone trans.

Anche Vladimir Luxuria si schiera contro il comico pugliese: “Più che far ridere, ha deriso i trans”

Vladimir Luxuria è critica nei confronti della fiaba di Zalone: “Mi è sembrata una ripetizione fallita della canzone sugli uomini sessusuali”-“Apprezzo la finalità di condanna all’ipocrisia dei falsi moralisiti, di quelli che ci cercano e poi fanno finta che non sono mai stati con noi. Però una trans si può cercare anche in un locale, in un luogo di lavoro, su un autobus – spiega Luxuria, come si legge sul Web– non è che per avere un contatto con una trans si debba per forza andare nel vicoletto buio. Poi una trans brasiliana che si chiama Oreste: lo sketch era tutto improntato sulla impossibilità e sulla ridicolizzazione del tentativo di essere femminile da parte di una trans. Un comico come Checco Zalone poteva fare molto di più sul palco dell’Ariston, un’occasione davvero sprecata.

Claudia Di Giannantonio

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button