Cronaca

Sciopero 29 novembre 2019: a rischio i treni, scuole, asili e uffici pubblici

Lo sciopero del 29 novembre riguarda i lavoratori di tutte le categorie pubbliche e private

Un nuovo sciopero, una nuova protesta: venerdì 29 novembre 2019 i lavoratori di tutte le categorie pubbliche e private facenti parte dell’USB, Unione Sindacale di Base, incroceranno le braccia ancora una volta. I disagi riguarderanno i trasporti, sanità, scuole e i servizi negli uffici.

Sciopero 29 novembre a Roma: servizio pubblico a rischio

Anche Roma potrebbe vivere i disagi dello sciopero. Un venerdì nero a causa dell’incerto transito dei treni di FS Italiane, che partecipa allo sciopero, come protesta contro la gestione del caso ex Ilva. Venerdì 29 novembre scenderanno in piazza i dipendenti del Gruppo FS Italiane: braccia incrociate, e dunque treni a rischio dalla mezzanotte alle ore 21. 

Lo sciopero non riguarda però, i dipendenti di Atac e Roma Tpl: nel giorno della mobilitazione nazionale a Roma i bus, le ferrovie e le metropolitane effettueranno il normale servizio.

Dagli asili nidi all’università: sciopero del personale docente e dirigente

Venerdì 29 novembre incrocerà le braccia anche il personale docente e dirigente, di ruolo e precario aderendo alla mobilitazione con il Sindacato Indipendente Scuola e Ambiente.

Fridays For Future: si scende in piazza

Venerdì 29 novembre 2019 anche i giovani scenderanno in piazza per il Fridays For Future. Il movimento, che prende ispirazione da Greta Thunberg, organizza il suo quarto sciopero globale per il clima.

Il tutto proprio in occasione del Black Friday, per protestare contro il consumo esasperato e non più sostenibile dal nostro pianeta.

Il corteo, che avrà inizio alle ore 9, partirà da piazza della Repubblica per raggiungere piazza del Popolo, percorrendo via Vittorio Emanuele Orlando, largo di Santa Susanna, via Barberini, via Sistina, piazza della Trinità dei Monti. Terminerà alle ore 13 in viale Gabriele D’Annunzio.

Continuate a seguirci anche sulle pagine social di Metropolitan Magazine Italia:

Back to top button