Cinema

Sean Connery: il suo ultimo desiderio

Sean Connery è morto a 90 anni il 31 ottobre scorso, ma è ancora nei cuori di molte persone. La moglie ha annunciato che l’ultimo viaggio dell’attore sarà in Scozia. Micheline Roquebrune ha raccontato al DailyMail, l’ultimo desiderio del marito: “Avrebbe voluto che le sue ceneri fossero sparse tra le Bahamas e la Scozia, sua terra natale. Non appena si potrà tornare a viaggiare normalmente, tutta la famiglia partirà per la Scozia insieme a lui”, ha detto la Roquebrune che ha trascorso 45 anni al fianco dell’attore.

“Vorremo organizzare un servizio funebre per Sean in Scozia, è quel che speriamo di poter fare. Purtroppo, però, non possiamo dire esattamente quando accadrà”, ha concluso la vedova che quando le norme per l’emergenza Coronavirus lo consentiranno, la donna omaggerà la memoria di suo marito con una cerimonia nei pressi della casa natale dell’attore e disperderà le sue ceneri lì, come lui avrebbe voluto, insieme ai figli, Jason e Stephane.

Sean Connery: asta di beneficenza

Sean Connery alias James Bond - © tutti i diritti riservati
Sean Connery alias James Bond – © tutti i diritti riservati

Intanto a Los Angeles si sta preparando una grande asta, il 3 dicembre, che vedrà la vendita, tra gli altri, di un oggetto diventato icona del primo film “007“. Come non ricordare infatti la posa di Sean Connery con la pistola in mano, incrociata sul petto, nella locandina di “007 – Licenza di uccidere”. L’arma è una Walther PP che è rimasta la pistola caratteristica di 007, per quasi 25 film. L’oggetto iconico di Bond sarà uno degli oltre 500 articoli dell’asta Icons & Idols Trilogy: Hollywood. Altri cimeli importanti includeranno un casco da pilota indossato da Tom Cruise in “Top Gun” e una giacca da motociclista in pelle indossata da Arnold Schwarzenegger in “Terminator 2“. La pistola di Bond sarà battuta all’asta con un costo che oscillerà tra i 150 mila e i 200 mila dollari.

Giuliana Aglio

Segui Metropolitan Cinema, per rimanere sempre aggiornato su tutto ciò che riguarda la Settima Arte e tutta la redazione del Metropolitan Magazine. Ci trovi su Facebook, InstagramTwitter!

Back to top button