Calcio

Sean Connery, il tifoso che divise la città di Glasgow

Sean Connery Rangers
Sean Connery

La morte di un pilastro della nostra realtà, non soltanto quella cinematografica, lascia puntualmente un enorme vuoto impossibile da colmare. Il decesso di Sean Connery, brillante e poliedrico attore, ha colpito la comunità mondiale andando ad aggravare un periodo storico non fortunatissimo. Il famoso 007, ruolo più iconico dello scozzese nato ad Edimburgo, amava follemente anche il calcio. La sua fede sportiva, oltretutto, riuscì a dividere ancor più marcatamente la città di Glasgow contribuendo, certamente, ad inasprire la rivalità tra Celtic e Rangers, le due squadre più in vista di Scozia. Ma di quale episodio controverso fu protagonista il grande attore? Ebbene, parliamo di un vero e proprio “tradimento sportivo“. Il peggiore di tutti: Sean Connery, infatti, passò dal tifare i biancoverdi a diventare supporter degli acerrimi rivali di sempre. Un “voltafaccia” che non piacque quasi a nessuno.

Tradimento a Glasgow: Sean Connery passa dal Celtic ai Rangers

Sean Connery, infatti, da ragazzo tifava per i Celtic Glasgow. Un evento, però, porto il noto attore ad abbandonare la sponda degli “Hoops” per passare tra le fila dei Rangers: lo scozzese divenne amico intimo di David Murray, grande presidente dei biancoblu che, ancora oggi, è idolatrato dalla parte di Ibrox. Un tradimento raccontato dallo stesso Sean Connery che, candidamente, ha ammesso il suo passato da fan biancoverde: “Il calcio era una mia grande passione mentre crescevo. Mio padre mi ha presentato al Celtic e abbiamo giocato a calcio in quello che chiamavamo il back green che era, appunto, fatto di cemento. Ho mantenuto il mio amore per il calcio. Mi sono allontanato quando ero molto impegnato con i film e poi ci sono tornato coinvolto nel Celtic e ricordo di aver aiutato il club per la partita di beneficenza di Jock Stein”.

Poi il fattaccio. La fede calcistica muta ed il cuore di Sean Connery comincia a battere per i Rangers. È stato proprio l’attore a specificare il momento del cambiamento mentre presentava la sua autobiografia: “Ho cambiato la mia fede calcistica per David Murray. tra noi c’è stata subito una bella chimica. Ci siamo goduti la reciproca compagnia, è un ragazzo fantastico e da allora siamo rimasti molto, molto buoni amici. Così i tifosi del Celtic mi sputano addosso se vado a Parkhead”.

Un “voltafaccia” candido, quasi innocente. In quel caso, infatti, fu un grande rapporto di amicizia a cambiare le carte in tavola. Quasi inconsapevolmente, Sean Connery si trasferì nel lato “blu” di Glasgow. Oggi, nel giorno della sua morte, abbiamo voluto raccontare una piccola, ma interessante, vicenda che ha caratterizzato la scintillante vita di uno degli attori più famosi ed importanti che il mondo del cinema abbia mai conosciuto.

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button