Formula 1

Sebastian Vettel, cosa fare dopo il ritiro? Il tedesco: “Amo il rally”

L’addio alla Formula 1 di Sebastian Vettel è stato dolorosi per tutti. Meno, forse, proprio per il protagonista di questa vicenda che ha deciso in modo sereno di appendere il casco al chiodo chiudendo la sua storia d’amore con il Circus più importante delle quattro ruote. Se il capitolo con la F1 sembra ormai definitivamente chiuso, le altre categorie motoristiche potrebbe sognare l’arrivo del tedesco: il diretto interessato, pur non avendo ancora deciso nulla, si è sbottonato in una delle sue ultime interviste parlando del suo amore per il rally.

Sebastian Vettel allo “scoperta” del proprio futuro

Sebastian Vettel

Mi è sempre piaciuto il rally, ma non la vedo come una sfida prioritaria, perché è molto diverso dalle gare nei circuiti canonici. Quindi non lo so, vedremo. La Race of Champions? Non vedo l’ora di sorprendermi. Ovviamente ho fatto questo lavoro per così tanto tempo che le gare avranno sempre un ruolo centrale nella mia vita, quindi è difficile dire che non mi mancheranno; ma quanto mi mancheranno e se comincerò a guardarmi in giro per fare altro, lo vedremo. Nel ritiro vedo un’opportunità per imparare molto su me stesso e per mettermi in una posizione in cui non ero mai stato e in cui non sono a mio agio. Perché la verità è che, dopo così tanti anni, questo lavoro diventa parte della nostra routine – ha sottolineato Sebastian Vettel ai microfoni della F1. Voglio passare più tempo con i miei figli, imparare insieme a loro, che sarà per me una nuova sfida con ritmi diversi. Voglio prendermi più tempo per fare le cose per le quali di tempo non ne avevo. Penso che all’inizio proverò a non fare nulla, per poi vedere che effetto mi fa. Ci sono molte altre cose nella mia testa, molte altre idee al di fuori delle gare. Non voglio partire con alcun calendario, non voglio dire che comincerò a fare qualcosa a marzo o ad aprile. Ad un certo punto, però, dovrò trovare molte cose che mi tengano occupato, perché è la mia natura“.

Seguici su GOOGLE NEWS

Back to top button