Serie B, che succede in fondo alla classifica?

Foto dell'autore

Di Maria Laura Scifo

La classifica cortissima di questa Serie B impedisce alle squadre di stare tranquille: davvero in poche possono sentirsi pressoché sicure della permanenza nel campionato cadetto. Se il Livorno, appare leggermente isolato, così non è per Trapani e Cosenza che sono ad un passo dalla lotta playout. Qui, oltre alla Cremonese che ha una gara da recuperare e il Venezia, nel giro di 3 punti si trovano altre sei squadre. Quest’ultima parte di stagione dunque si preannuncia davvero infuocata e imprevedibile.

Serie B: Livorno isolato, Trapani e Cosenza sperano ancora

Il punto sul Livorno

Il fondo della classifica è occupato da tre squadre che finora hanno faticato oltremodo ad ingranare la marcia giusta e, se non per periodi brevi, forse non ci sono ancora riuscite. Il Livorno è ormai ultimo da solo a quota 18 punti. Le speranze di salvezza degli amaranto sono ridotte ad un lumicino, ma nelle ultime due giornate un piccolo segnale di ripresa qualcuno lo ha notato.

Gli scorsi cinque turni hanno visto la squadra di Breda pareggiare con il Pordenone e perdere malamente con il Cosenza e con la Salernitana. Successivamente sono arrivati due risultati di spessore: la vittoria contro il Chievo e un altro pareggio, questa volta con il Frosinone. Le prossime tre partite saranno un banco di prova importante per i toscani che affronteranno il Pisa in trasferta, il Cittadella in casa e infine la Juve Stabia lontano dalle mura amiche.

Trapani e Cosenza

Appaiate in penultima e terzultima posizione a quota 24 punti ci sono Trapani e Cosenza. Per quanto riguarda i siciliani, la vittoria contro la Virtus Entella ha ridato speranza a tutto l’ambiente che ora sogna una buona serie di risultati. Prima di quest’ultimo successo, i granata non vincevano dal 18 Gennaio, quando avevano battuto l’Ascoli per 3-1. In mezzo una serie di 3 pareggi e 3 sconfitte. Le prossime tre sfide di campionato tuttavia, saranno piuttosto impegnative per la squadra di Castori. Domani i granata faranno visita all’Empoli e poi si prepareranno a ricevere in casa prima il Frosinone e poi il Pordenone.

In casa Cosenza invece, la vittoria manca da quattro turni. D’altro canto bisogna dire che nelle ultime partite i rossoblù hanno affrontato squadre importanti come Cittadella, Frosinone e Benevento. Tra queste sconfitte c’è stato poi il pareggio ottenuto nello scontro diretto con il Venezia. Rispetto al Trapani però, i Lupi potranno sfruttare un calendario più agevole sulla carta. Il posticipo di questo turno vedrà i Bruzi impegnati a Verona contro il Chievo. In seguito, sfideranno in Calabria l’Entella e la Cremonese in Lombardia.

Zona playout: percorsi quasi paralleli per Venezia e Cremonese

Negli ultimi tre incontri Venezia e Cremonese sono andate a braccetto per quanto riguarda gli esiti finali dei match. Entrambe infatti, hanno riportato una vittoria, un pareggio e infine una sconfitta. La Cremonese è diciassettesima con 27 punti, ma a differenza dei veneti ha una gara da recuperare ovvero, quella contro l’Ascoli. Ad ogni modo, se i lombardi vogliono uscire dalla zona playout, dovranno sfoderare prestazioni importanti anche contro Frosinone e Benevento, le prossime due avversarie. Chissà che il nuovo cambio di allenatore non possa dare una scossa all’ambiente.

Il Venezia invece, di punti ne ha collezionati 32 e la salvezza per ora non è molto distante: solo una lunghezza separa gli arancioneroverdi dalle posizioni tranquille. Nelle ultime uscite si è vista una squadra in ripresa guidata anche da Samuele Longo. L’attaccante, arrivato a gennaio, è andato a segno nelle prime tre partite rivelandosi decisivo. Come la Cremonese, anche il Venezia avrà una serie di partite complicate. Domani affronterà il Crotone, mentre nel turno successivo farà visita al Pordenone.

Serie B: chi rischia di rimanere coinvolto nella zona retrocessione?

Come detto, la classifica di questa Serie B è davvero corta e, oltre alle squadre già citate, sono coinvolte nella lotta salvezza almeno altre sei formazioni. In primo luogo Juve Stabia, Perugia e Pisa che viaggiano a quota 33 punti: uno solo in più del Venezia. Un discorso a parte va fatto per l’Ascoli. I bianconeri sono quindicesimi con 32 punti, ma hanno disputato una partita in meno rispetto agli avversari. Infine, per ora non possono considerarsi salve nemmeno Pescara ed Entella ferme a 35 punti.