CalcioSport

Serie D, Pres Monterosi FC: “Giocare a luglio è una follia”

Nel girone E della Serie D, il Monterosi del Pres Luciano Capponi, corre con ambizione per raggiungere la Serie C, a soli due punti dal Grosseto, dopo aver occupato, con merito ed a lungo, la prima posizione.

Al numero uno del club viterbese, abbiamo rivolto alcune domande, per capire meglio il momento che stiamo vivendo, ma anche per riflettere sulle possibili vie di uscita da questa edizione del massimo campionato dilettantistico italiano. Ecco cosa ci ha detto…

Sbagliato fermarsi qui, playoff e playout in 10 giorni

Una delle ipotesi in campo, è quella di dichiarare l’attuale edizione della Serie D, terminata. Su questo punto il presidente del Monterosi FC ha le idee chiare: “Fermarsi qui, significherebbe uccidere le possibilità economiche di un’infinità di squadre, anche considerando che siamo chiusi in casa per un falso storico inenarrabile. Vorrei sapere chi pagherà questa distruzione economica nel Paese, questa paura che è stata immessa. La gente – aggiunge il presidente – dovrebbe sapere che il Coronavirus, tra virgolette, non esiste, perché quando fanno gli esami per la positività, nessuno sa che si stanno facendo esami a delle tossine, che ogni corpo umano emette, visti i veleni in corso. Oggi se ti danno una spinta e cadi dal settimo piano, sei morto per Coronavirus. C’è poi da considerare che chi muore, sono signori anziani sopra gli 85 anni, con 3 o 4 cause precedenti”.

Tornando a parlare di calcio giocato in modo più stretto ed in particolare del suo Monterosi, Capponi dichiara: “Noi siamo stati in testa praticamente per tutto il campionato. Il Grosseto è da due partite che è primo. Nessuno ha mai detto, che il pullman della mia squadra è stato aggredito e dunque è stata una partita emotivamente falsata”.

Sulle possibili vie di uscita dall’attuale edizione della Serie D, il Pres ci dice che: “Credo che le ipotesi sono tante: le prime due di ogni girone potrebbero andare in Serie C, oppure si potrebbe fare un quarto girone in “C” con le due provenienti dalla D… Io mi auguro, perché mi piace vincere sul campo, che si disputino almeno i playoff per le prime quattro squadre ed i playout per le ultime quattro. C’è tutto il tempo per farlo”.

Sulla possibilità che si possa giocare anche nel mese di luglio, il numero uno del club viterbese afferma: “Non sarei d’accordo. I compensi in Serie D arrivano fino al 31 maggio. Nessuna delle Società ha la possibilità di stipendiare per altri due mesi i giocatori. Al massimo si può pensare che dal 20 maggio, 4 squadre giochino i playoff ed in 10 giorni è finito il campionato. Entro la metà di giugno, si potrebbe andare a casa. Luglio – dice con chiarezza il presidente – è una follia”.

Le recenti polemiche, i tifosi ed una pizza…

In merito al recente episodio che ha visto coinvolti i presidenti Ghirelli e Sibilia, Capponi ci ha detto che: “Se le istituzioni od i vertici della federazione, hanno il polso della situazione reale del Paese, dovrebbero evitare di creare geometrie che sono più politiche che sociali. Però, avendo conosciuto personalmente tutti e tre i presidenti, credo che siano dotati del necessario buon senso, per dirimere nel modo più corretto la regolarità dei campionati”.

Parlando invece di tifosi, chiediamo se ci saranno le condizioni idonee perché questi possano tornare a seguire dal vivo le gare di calcio. Il Pres, sul punto, dichiara: “E’ una preoccupazione reale, perché il piano di tutta questa operazione, è quello di far restare le persone in casa, come automi, completamente lobotomizzati. La speranza che ho, è che entro giugno ci sia una manifestazione in piazza clamorosa, che possa destabilizzare questo tentativo di far restare le persone in casa”.

Ipotizzando un impiego ancora più marcato dei social da parte delle Società della quarta serie, Capponi pensa che: “La Serie D, di dilettante, non ha nulla. I calciatori fanno i calciatori, hanno dei compensi anche ottimi. Questa è una delle cose che io sto cercando di mettere in moto. Una maggiore visibilità per la Serie D. Posso garantire che alcune squadre di Serie D, sono anche più forti di alcune squadre di Serie C. Non c’è tutta questa differenza. Sono favorevolissimo”.

L’ultima cosa che chiediamo al presidente del Monterosi FC, è di lanciare un messaggio ai tifosi. Ed allora Capponi chiosa, con un tono auto ironico che non si può non apprezzare, affermando: “Dove sono io, i tifosi non esistono… Non scherzo! Sono in un paese di 4000 abitanti, di cui 3700 circa sono di Roma e pendolari. Cosa posso dire, allora: cari tifosi, quei pochi che siete, incontriamoci per prendere una pizza!”.

(Photo credit in evidenza: www.monterosifc.com)

Articolo precedente

Seguici su:

Pagina Facebook Il calcio di Metropolitan

Pagina Facebook Metropolitan Magazine Italia

Account Twitter Ufficiale Metropolitan Magazine Italia

SERIE D

Adv

Adriano Fiorini

"Lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfarne, la difficoltà per vincerla." (cit. Pierre De Coubertin). C'è allora qualcosa di più divertente da raccontare?

Related Articles

Back to top button