Cultura

Settimana dell’arte contemporanea

Si apre la 16° edizione della Settimana dell’arte contemporanea AMACI 2020 iniziata con la Giornata del Contemporaneo, una settimana di promozione per l’arte contemporanea italiana all’Estero. Prevede un programma che va dal 5 all’11 dicembre 2020.

Questa iniziativa nata nel 2005 è uno dagli appuntamenti più attesi dell’anno. Infatti, sono coinvolte moltissime realtà, tra cui il Ministero degli Affari Esteri e della cooperazione Internazionale, Ambasciate, Consolati e Istituti Italiani di Cultura, una settimana di promozione dell’arte contemporanea italiana all’estero.

Milano, Museo del Novecento, sala Fontana - PhotoCredit: © wantedinrome.com
Milano, Museo del Novecento, sala Fontana – PhotoCredit: © wantedinrome.com

Community

Il centro della 16° edizione della Settimana dell’arte contemporanea si pone una domanda: “come possono, oggi, i musei d’arte contemporanea e tutti i soggetti, le realtà che si occupano di promuovere e far conoscere il contemporaneo a fare comunità?” Il senso di comunità per sopravvivere, la comunità del contemporaneo (a partire dai Musei AMACI), tematica attuale in quest’anno di emergenza sanitaria.

Alterazioni video, calm before the storm - PhotoCredit: © wantedinrome.com
Alterazioni video, calm before the storm – PhotoCredit: © wantedinrome.com

La riapertura dei musei, purtroppo dopo l’ultimo DPCM, è stata impossibile e di conseguenza l’identità della manifestazione punta sul concetto di community anche nel mosaico digitale composto dalle opere di 20 artisti anziché utilizzare la tradizionale immagine guida realizzata da un solo artista. Le proposte sono di: Paola Angelini (Ca’ Pesaro), Meris Angioletti (GAMeC), Barbara and Ale (PAC), Cristian Chironi (Museion), Comunità Artistica Nuovo Forno del Pane (MAMbo).

Ancora troviamo Patrizio Di Massimo (Castello di Rivoli), Andrea Facco (GAM Verona), Giovanni Gaggia (Musma), Barbara Gamper (Kunst Merano), Silvia Giambrone (Museo del Novecento), Andrea Mastrovito (Palazzo Fabroni), Marzia Migliora (MA*GA), Nunzio (ICG), Nicola Pecoraro (MACRO), Luca Pozzi (FMAV), Alessandro Sambini (Mart), Marinella Senatore (Centro Pecci), Francesco Simeti (MAN), Justin Randolph Thompson (Madre), Emilio Vavarella (MAXXI).

Diversa, innovativa, tecnologica, pensata per rispondere all’eccezionalità del momento che stiamo vivendo con un formato ibrido e proposte online e offline.

Centro Pecci - PhotoCredit: © wantedinrome.com
Centro Pecci – PhotoCredit: © wantedinrome.com

Internazionalità della Settimana dell’arte contemporanea

Anche quest’anno, come nelle passate edizioni, la rete estera MAECI coinvolgerà alcuni dei direttori e curatori dei Musei AMACI, personalità di spicco di tutto il mondo che avranno modo di confrontarsi e discutere di arte e di contemporaneo. Incontri dedicati: Lorenzo Balbi, direttore del MAMbo, dialogherà con il direttore dell’IIC di Praga; Elisabetta Barisoni, responsabile di Ca’ Pesaro – Galleria Internazionale d’Arte Modena interverrà con il direttore dell’IIC di Abu Dhabi.

In questo incontro infatti, verranno coinvolti anche l’artista Paola Angelini; Cristiana Perrella. Interverranno poi la direttrice del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato, che si confronterà con il direttore dell’IIC di Toronto. Inoltre Luigi Fassi, direttore del MAN di Nuoro, sarà protagonista di una tavola rotonda organizzata dall’IIC di Lisbona.

A seguire, Lisa Giardina Papa converserà con la direttrice dell’IIC di San Francisco Martina Menegon con il Direttore dell’IIC di Vienna; Formafantasma con il Direttore dell’IIC di Amsterdam; Danilo Correale con il direttore dell’IIC di Washington. L’elenco di tutte le attività organizzate dalle rete estera del MAECI e i nomi di tutti gli aderenti alla Giornata del Contemporaneo saranno veicolati sul sito web della Giornata e saranno promossi sui canali social dell’Associazione e di tutte le realtà coinvolte.

Chiara Sticca Candellone

Seguici su
Facebook
Metropolitan Arts & Lifestyle

Back to top button