Cultura

Sole a catinelle, satira popolare sull’italiano in crisi

Checco Zalone che con l’ultimo “Tolo Tolo” è in rotta quaranta milioni ma che nonostante la cifra astronomica è in una prospettiva al ribasso rispetto ai due antecedenti tali “Quo Vado?”, irragiungibilmente a sessantacinque milioni, praticamente un’italiano a stelle e strisce e “Sole a catinelle” un altro ammasso di popolo da cinquantuno milioni. Tralasciando il volgare incasso è noto che la popolarità del comico pugliese non tende a decrescere e le ripetute televisive sono un’ampia spinta per il fatuo apprezzamento da parte dello spettatore.

Satira popolare sull’italiano in crisi, “Sole a catinelle”, è notissimo e pleonastico ribadirlo è il viaggio attraverso i meandri del benessere di un padre decaduto (economicamente) e un figlio maturo (troppo) in rotta di collisione a causa di una scommessa non mantenuta che porterà i due nell’estate del timido Molise. Girato da Gennaro Nunziante alla terza fruttuosa collaborazione con il comico, il quale è accompagnato per l’occasione dal giovanissimo Robert Dancs.

Checco Zalone foto dal web. Sole a catinelle
Checco Zalone foto dal web

Quest’ultimo, anzi chi ne fa le veci, abbagliati dalla biblica folla asseragliata al poltronato di velluto hanno intentanto e vinto una causa da innumerevoli mila euro contro la produzione a motivo di una presunta svalutazione dell’interpretazione del figlio. Gossip spicciolo che collide antiteticamente con la trama del film, quando la finzione è meglio della realtà.

“Sole a catinelle” con Checco Zalone regia di Gennaro Nunziante stasera su canale 5. Per gli amanti del calcio c’è anche Roma-Juve, una bella partita. Poi fate voi.

Back to top button