Cinema

Stan Laurel, il segreto della grande comicità immortale

Adv

130 anni fa nasceva Stan Laurel semplicemente conosciuto da tutti come Stanlio. È diventato immortale in coppia con l’amico Oliver Hardy, il famosissimo Ollio. Laurel è stato capace di regalarci gag indimenticabili che hanno fatto ridere generazioni di spettatori diventando uno degli attori comici più importanti di tutti i tempi.

Stan Laurel, un grande genio comico


Stan Laurel è stato un grande genio comico e pioniere della slapstick comedy e innovatore della comicità. Ha riscosso enormi successi sia a teatro, dove è incominciata la sua carriera, che al cinema. La grande svolta arrivò quando iniziò prima a dirigere e poi ad interpretare insieme al grande amico Oliver Hardy numerosi film comici di successo internazionale. Questo incredibile duo comico era molto conosciuto anche in italia dove Hardy era doppiato nientemeno che da Alberto Sordi. In tutti questi film si evince come Laurel abbiamo innovato la comicità con la sua fisicità e il suo modo apparentemente stupido di recitare ma invece ricco di intriganti particolari.

Alcune gag di Stanlio e Ollio

Il ritorno di Stanlio e Ollio


Il personaggio di Stan Laurel è stato recentemente riportato sullo schermo da Steve Coogan nel film “Stanlio e Ollio “ di Jon S. Baird. In questa pellicola si parla degli ultimi anni di vita di questo grande due comico prima della morte di Hardy nel 1957. Stan Laurel gli sopravvisse solo 8 anni ma in tempo per ritirare un Oscar onorario nel 1961. Si tratta dell’unico premio conseguito per una straordinaria ed incredibile carriera. Le divertenti parole pronunciate da Laurel sulla sua dipartita furono: “Se qualcuno di voi piangerà al mio funerale, non vi parlerò mai più”. Un ultimo incredibile guizzo di un uomo che non ha mai smesso di ridere e far sorridere generazioni di spettatori da sempre affascinati dalla sua irriverente comicità.

Adv
Adv

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.
Adv
Back to top button