Cinema

Stasera in tv “Scontro tra titani”, il mito che diventa film d’azione

Rilasciato nel 2010 e diretto da Louis Leterrier, stasera in tv torna “Scontro tra titani“, il remake del’omonimo film del 1981, che vantava un cast d’eccenzione (contando, tra gli altri, Laurence Olivier nel ruolo di Giove).

Il regista Leterrier veniva dal lavoro su “L’incredibile Hulk” (2008) e voleva ritrarre gli eroi antichi dopo essersi già occupato di quelli moderni. Se già la versione del 1981 si scostava dal mito originale, qui la rivisitazione viene portata alle estreme conseguenze, tanto nella trama quanto nello stile: ne risulta un vero e proprio film d’azione ad ambientazione mitologica, che trova il suo nucleo centrale proprio nello “scontro“.

Sam Worthington e Gemma Arterton in "Scontro tra titani", Credits: Termometro Politico
Sam Worthington e Gemma Arterton in “Scontro tra titani”, Credits: Termometro Politico

Uno “Scontro tra titani” senza titani

La storia ruota intorno alla figura di Perseo (Sam Worthington), semidio ignaro delle sue origini, e alla lotta prometeica degli uomini contro gli dei dell’Olimpo: qui sì, c’è un rifiuto titanico dell’autorità divina e la rabbiosa volontà di non pregarla, consapevoli che ogni preghiera ne aumenta la forza. Alla base della sceneggiatura c’è quindi questa tensione tra i due mondi terreno e ultraterreno, l’astio per gli Olimpi e la lotta per riaffermare il valore dell’essere umano.

La tensione esplode quando dei soldati di Argo provocano l’ira di Zeus (Liam Neeson) con un atto irriverente. Quando la regina della città paragona la bellezza della figlia Andromeda (Alexa Davalos) a quella di Afrodite, gli Olimpi rispondono alla dichiarazione di guerra inviando Ade (Ralph Fiennes) a minacciare la liberazione del Kraken, mostro temuto dagli stessi dei, a meno che la città non sacrifichi Andromeda.

Perseo lotta col generale Draco in una scena di "Scontro tra titani", Credits: My Movies
Perseo lotta col generale Draco in una scena di “Scontro tra titani”, Credits: My Movies

Segue la rivelazione della vera origine di Perseo, figlio di Zeus, che dovrà lottare per accettare la propria identità ma, soprattutto, per salvare l’umanità. Destinato ad uccidere il Kraken, il semidio intraprenderà un viaggio lungo il quale dovrà combattere con mostri di ogni sorta, unirà le sue battaglie a quelle di altri popoli e giungerà nelle profondità degli inferi in un continuo pastiche che mescola miti e stili diversi.

Questa pellicola col suo affollarsi di nuovi personaggi, con i veloci cambi d’atmosfera e le scene di lotta spietata che sembrano non risparmiare nessuno (salvo il tardo intervento di un tradizionalissimo deus ex machina), non lascia il minimo spazio alla monotonia. Stasera lo trovate in tv, su Italia1 alle 21.20.

Debora Troiani

Seguici anche su Twitter, Instagram e Facebook

Debora Troiani

Laureata in Lingue, Letterature, Culture e Traduzioni alla Sapienza, studio ora Editoria e Scrittura, con un curriculum orientato al giornalismo. Sono una grande appassionata di lingue e letterature straniere (soprattutto russa e tedesca), di teatro, cinema e in generale di forme d'arte impegnata che affronta temi sociali.
Back to top button