Telegram: l’alternativa a WhatsApp – Una guida facile facile

Foto dell'autore

Di Redazione Metropolitan

WhatsApp è diventata l’applicazione maggiormente conosciuta e utilizzata per inviare messaggi di testo, vocali, foto e video. Ormai cercare di limitare i caratteri per non sforare il limite stabilito in un SMS è un lontano ricordo. WhatsApp, però, non è l’unica valida applicazione per chattare con i nostri contatti, tra le più famose risalta Telegram. Molto utilizzata soprattutto quando WhatsApp non funziona.

Come funziona

Telegram è un’applicazione gratuita che si può scaricare sia sul cellulare, da Play Store per Android o da App Store per iOS (iPhone) sia su pc, tramite il sito desktop.telegram.org. Con Telegram è possibile scambiare messaggi di testo, vocali, file, adesivi, foto o video con uno o più utenti. In aggiunta c’è la possibilità di avviare una chat vocale in diretta con uno o più utenti, ovvero una sorta di chiamata o videochiamata. Fin qui molto simile al famoso WhatsApp, ma ci sono differenze interessanti.

I messaggi rimangono salvati sull’applicazione e non sono salvati sul cellulare. In questo modo è garantita una maggiore sicurezza e non è necessario effettuare un backup manuale perché si salva tutto in automatico. Questo significa che se ad esempio è arrivato il momento di cambiare cellulare, accedendo a Telegram sul nuovo dispositivo ritroveremo tutte le nostre chat.

Su Telegram è possibile modificare il testo di un messaggio già inviato. Se hai sbagliato a scrivere un messaggio, ma te ne sei accorto dopo averlo inviato, puoi correggerlo lo stesso. Ti basterà toccare il messaggio, si aprirà un menù e da lì troverai la voce “Modifica”. Un messaggio può essere modificato fino a due giorni dopo l’invio.

Con chi posso comunicare su Telegram?

Su Telegram è presente la lista dei contatti salvati sul cellulare che utilizzano l’applicazione. Quindi, se non trovi un contatto in particolare, significa che questa persona non utilizza Telegram: dovrai usare un altro modo per contattarla. Allo stesso modo, chiunque ha il tuo numero salvato, e utilizza Telegram, ti vedrà tra i contatti nell’applicazione e potrà contattarti.

Telegram su cellulare
© media.metrolatam.com

Al contrario di WhatsApp, su Telegram è anche possibile chattare con qualcuno senza necessità di scambiare il numero di telefono. Questo è possibile solo se si decide di impostare un nickname in fase di registrazione, ovvero un nome personalizzato preceduto da @. In questo modo, se vuoi metterti in contatto con un altro utente, ma non vuoi scambiare il numero di telefono, puoi dirgli il tuo nickname. L’altra persona lo cercherà all’interno della barra di ricerca e potrà iniziare una conversazione con te.

Oltre alle classiche chat singole o in gruppo, esistono anche i canali. Questi hanno l’aspetto di una normale chat di gruppo, ma sono pensate per un pubblico ampio. Infatti, nei canali solo gli amministratori possono scrivere, mentre gli iscritti potranno leggere o interagire con eventuali contenuti (come sondaggi creati dai proprietari del canale). Con la barra di ricerca puoi cercare i canali pubblici e decidere se iscriverti, una volta iscritto inizierai a ricevere i messaggi. Esistono anche i canali privati a cui si può prendere parte solo se aggiunti da altre persone.

Seguici sui social: Facebook e Instagram

Elisa Scaglia