Test Medicina 2020: ecco la graduatoria

test medicina 2020

I risultati del test di Medicina 2020, i primi, sono sati pubblicati dal giorno 17 settembre su Universitaly. Nella giornata odierna infatti, coloro che hanno sostenuto il test di Medicina lo scorso 3 settembre 2020, potranno visualizzare la graduatoria finale.

Quest’anno hanno partecipato al test di Medicina 2020 oltre 66mila studenti; molti non hanno potuto perché in quarantena o perché positivi al COVID-19 tanto che si è parlato di una nuova data possibile. Il ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi aveva inizialmente aperto a questa possibilità per poi tornare sui suoi passi. I risultati del test di Medicina 2020 non sono stati dunque immediati e i candidati hanno dovuo attendere quindici giorni, anche se le soluzioni sono arrivate nel pomeriggio stesso del 3 settembre. Vediamo nel dettaglio quali sono le altre date per i test di Medicina 2020.

Dalla data del 17 settembre, i candidati che hanno partecipato al test, possono controllare i punteggi sulla piattaforma ministeriale Universitaly secondo il codice di etichetta nel rispetto della privacy Il candidato a tal proposito in questa fase è tenuto a ricordare il proprio codice etichetta attribuito il giorno della prova. Se il candidato del test di Medicina 2020 ha tuttavia dimenticato il proprio codice etichetta, deve attendere le prossime date dei risultati e che sono:

  • il 25 settembre 2020, sempre sulla propria pagina riservata del portale Universitaly, i candidati possono prendere visione del proprio elaborato, del proprio punteggio e della propria scheda anagrafica;
  • il 29 settembre verrà pubblicata, nell’area riservata agli studenti del portale Universitaly, la graduatoria nazionale di merito nominativa.

Come funzionano gli scorrimenti di graduatoria dei candidati “assegnati” e “prenotati” lo definisce l’allegato al decreto che abbiamo sopra citato. In particolare si legge nel testo che le regole e fasi da seguire sono le seguenti:

  • il 29 settembre 2020 sono pubblicate le graduatorie nominative di ciascun corso di laurea con l’indicazione per ogni candidato del punteggio ottenuto, della posizione in graduatoria e della sede universitaria in cui lo stesso è collocato come “assegnato”, come “prenotato”;
  • i candidati “assegnati” devono provvedere all’immatricolazione presso gli atenei secondo le procedure amministrative proprie di ciascuna sede universitaria e lo stesso vale per i “prenotati”. Entrambe le tipologie di candidati devono farlo entro quattro giorni (incluso il giorno di scorrimento della graduatoria ed esclusi il sabato e i festivi). Specifica il ministero che “la mancata immatricolazione dei candidati “assegnati” comporta la rinuncia alla stessa se non esercitata nel predetto termine di quattro giorni. I candidati “prenotati” che non esercitano tale possibilità non decadono dalla stessa”;
  • entro i cinque giorni successivi dal suddetto termine ogni università, mediante il proprio sito riservato, comunica al CINECA i nominativi degli studenti immatricolati e tutti i candidati – fatta eccezione per gli immatricolati, i rinunciatari all’immatricolazione offerta ed i candidati che rientrano nello status denominato “posti esauriti”- devono manifestare la conferma di interesse a rimanere nella graduatoria nell’area riservata del sito Universitaly;
  • in assenza di conferma di interesse il candidato decade dalle graduatorie nazionali in cui è inserito e non conserva alcun diritto all’immatricolazione. Non assume alcuna rilevanza la motivazione giustificativa della mancata conferma di interesse;
  • il giorno 7 ottobre 2020, il CINECA, ricevute le comunicazioni di cui abbiamo detto, procede, in relazione alla posizione di merito e alle preferenze espresse, alla pubblicazione del nuovo scorrimento della graduatoria secondo le stesse tempistiche sopra indicate e lo stesso vale per i successivi scorrimenti delle graduatorie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA