Cinema

“The Illusionist”, l’amore è la vera magia

The Illusionist, film del regista Neil Burger tratto dal racconto breve di Steven Millhausen, esce nelle sale nel 2006 a poca distanza dal The Prestige di Christopher Nolan. È forse stata questa la maledizione della pellicola, confrontata con la sua cugina più tecnica perdendo contro essa lo scontro. Tuttavia, seppure abbiano in comune la magia e l’illusionismo nel fine Ottocento, i due film sono molto diversi. In The Illusionist l’illusionismo è un mezzo per coronare una storia d’amore, mentre The Prestige ha come fulcro i veri trucchi di magia.

Neil Burger gioca con intimi primi piani e aggraziate profondità di campo in una Vienna dai colori caldi, quasi a lume di candela. Gli scenari interni sposano la fastosità dell’epoca e fanno da perfetta cornice all’illusione fiabesca che aleggia durante la visione. The Illusionist non è un thriller, non è un dramma, è la storia di un amore impossibile che diventa possibile grazie all’illusione. Non si ferma all’essere un film per romantici, ma rompe la barriera avvicinandosi grazie al suo stile etereo e misterioso anche a chi non è solito amare questo genere.

Jessica Biel ed Edward Norton in una scena del film - Photo Credits: web
Jessica Biel ed Edward Norton in una scena del film – Photo Credits: web

La vita è un’illusione?

Rimaniamo tutti affascinati dagli spettacoli di magia, non possiamo fare a meno di domandarci cosa sia reale, cosa sia illusione, e cosa invece sia solo un trucco di prestigio. In quel mondo queste tre cose hanno un confine indefinito, e ci rallegriamo una volta svelata la falsità della nostra percezione che nella vita tutto sia così come appare. È semplice, non esistono trucchi, o così amiamo illuderci. Cosa è reale nella realtà? I soldi sono un qualcosa di materiale, perciò sono veri. Il potere, la classe sociale, quelle sono illusioni. Cosa è il potere se non lo sfruttamento della percezione che altre persone hanno di noi? E la vita? È solo un gioco di prestigio della morte.

In The Illusionist, il principe Leopold (Rufus Sewell) è un uomo arrogante che sfrutta il potere della sua classe sociale per soddisfare la bramosia di possederne sempre di più. Rincorre la sua illusione continuando ad afferrare nient’altro che un fantasma, ed è proprio il protagonista, Eisenheim (Edward Norton), a metterlo di fronte a ciò grazie ai suoi trucchi. E sono ancora questi a presentare sul palcoscenico l’amore adolescenziale del prestigiatore, la duchessa Sophie (Jessica Biel), promessa sposa di Leopold.

Eisenheim, nome d'arte di Eduard Abramovitz, interpretato da Edward Norton - Photo Credits: web
Eisenheim, nome d’arte di Eduard Abramovitz, interpretato da Edward Norton – Photo Credits: web

L’amore è la vera magia

E l’amore è un’illusione? Non parliamo di attrazione, o di convenienza, come quella del principe Leopold per la bella Sophie. Parliamo di quella forza motrice che spinge due giovani a promettersi di restare insieme, nonostante gli adulti vogliano impedirglielo, nonostante l’inganno del loro divario di classe sociale. Ma il miraggio del potere, dei doveri della vita, li separa e sembrerebbe rompere quel legame indissolubile. È solo un’altra illusione, perché nel momento in cui si ritrovano l’uno di fronte all’altra e riscoprono il loro amore ecco che questo dà loro nuovamente la forza di lottare.

Dominando la creatività ed il finto occulto, un uomo, un prestigiatore, diventa capace di mettere sotto scacco un principe ereditario, burlandosi del suo potere. Perché no, l’amore non è un miraggio. L’amore vero è una magia, è la capacità di controllare e dominare le illusioni. La morale di questo film è nascosta come in un gioco di prestigio. C’è ma non si vede, ed una volta individuata pare così semplice, così banale. Eppure allo stesso tempo è complessa e non di immediata comprensione nel suo significato più profondo. Nell’illusione della vita, l’amore è la vera magia.

Aaron Taylor-Johnson ed Eleanor Tomlinson interpretano Eduard e Sophie giovani - Photo Credits: web
Aaron Taylor-Johnson ed Eleanor Tomlinson interpretano Eduard e Sophie giovani – Photo Credits: web

Per scoprire la trama del film: The Illusionist, la realtà è un’illusione.

Continua a seguirci su Metropolitan Magazine e resta in contatto con noi su Facebook, Instagram e Twitter!

Articolo a cura di Eleonora Chionni.

Back to top button