Formula 1

Torna la Sprint Race in Formula 1: ecco cos’è e come funziona

Vista con poco interesse da piloti, team principal e scuderie più in generale. Introdotta dalla FIA per alzare ulteriormente la spettacolarità di alcuni weekend di Formula 1. Chiacchierata, osteggiata e difesa. Lo tsunami, datato ormai lo scorso anno, che si è abbattuto sul Circus delle quattro ruote ha un nome ben preciso: si chiama Sprint Race ed il suo centellinato avvento ha riscritto completamente la consuetudine della tre giorni deputata ai vari appuntamenti della classe automobilistica più seguita ed amata del mondo. Il Gran Premio d’Austria segnerà il ritorno di questo particolare appuntamento: dopo l’esperimento del 2021, questa nuova stagione di F1 si appresta ad accogliere la seconda mini gara di questo 2022 al Red Bull Ring sito a Spielberg bei Knittelfeld, in Stiria. Ecco cos’è e come funziona.

Sprint Race, in Austria la prima mini gara del 2022: ecco come funziona

Formula 1 2022 (Credit foto – pagina Facebook F1)

La Sprint Race torna sulle scene della Formula 1. In Austria tutto pronto per la seconda mini gara del 2022 (la prima ad Imola nel Gran Premio dell’Emilia-Romagna) con i piloti che sono pronti a scendere in pista per darsi battaglia in pochi giri. Obiettivo: conquistare la pole position nella griglia di partenza della gara vera e propria di domani. Ma cos’è questo nuovo appuntamento introdotto nel 2021? È, appunto, una piccola gara (in genere un terzo di quella completa della domenica con 100km da percorrere senza pit-stop) che scriverà la griglia di partenza della contesa domenicale. Le posizioni allo spegnimento dei semafori della Sprint Race sono state legiferate dalle Qualifiche andate in scena nel venerdì appena archiviato.

Importanti ai fini delle due classifiche del Mondiale di Formula 1, piloti e costruttori, i punti che si accumuleranno anche in questo piccolo evento: i primi otto corridori porteranno preziose lunghezze ai team ed alla loro causa iridata. La gara non prevede l’obbligo per i piloti di smarcare due diverse mescole di pneumatici e non ci sarà nessuna limitazione nemmeno per quanto concerne il consumo di carburante. La Qualifica Sprint non prevede nessun tipo di show o inno nazionale dopo la sua conclusione, ma assegnerà comunque un piccolo trofeo a paddock chiuso al vincitore.

Primo vincitore, specialista ed appuntamento odierno

Il primo, storico, vincitore di questo particolare format è stato Max Verstappen su Red Bull, mentre si è distinto come “specialista” di questa contesa Valtteri Bottas che nel 2021, quando guidava ancora la Mercedes al fianco di Lewis Hamilton, si è aggiudicato gli appuntamenti di Monza ed Interlagos. Appuntamento per oggi pomeriggio (ore 17:00) al Red Bull Ring per la seconda e penultima Sprint Race di questo 2022. Lo spettacolo sarà certamente assicurato.

ANDREA MARI

(Credit foto – pagina Facebook F1)

Seguici su Google News

Back to top button