Esteri

Ucraina, la controffensiva di Kiev raggiunge Kharkiv

La notizia circolava già da diversi giorni, confermata d’altronde dallo stesso presidente ucraino Volodymyr Zelensky: l’esercito dell’Ucraina ha portato la controffensiva fino a Kharkiv, respingendo le forze d’occupazione russe. Il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha diffuso inoltre le mappe che testimoniano la ritirata del contingente dalla città di Kharkiv e mostrano la nuova linea del fronte. Le forze russe, secondo le comunicazioni ufficiali di Mosca, si sarebbero ritirati da Izjum e dagli altri insediamenti per consentire una “riorganizzazione” in vista della “conquista dell’intero Donbass. L’Ucraina però conferma la propria interpretazione: è una vittoria – ancora parziale – senza precedenti, che potrebbe preludere alla vittoria nel conflitto.

La mappa dell’Ucraina orientale diffusa dal Ministero della Difesa russo parla chiaro: Kharkiv è in mano all’esercito di Kiev

La mappa diffusa dal Ministero della Difesa russo: riconoscibili Donetsk, Lugansk, ancora sotto il controllo russo

La controffensiva dell’esercito Ucraino ha colpito nel segno. Lo attestano non solo le testimonianze e le comunicazioni di Kiev, ma anche i canali istituzionali della Federazione Russa. La mappa pubblicata dal Ministero è incontrovertibile: oltre 2.000km di territorio prima in mano alle forze di occupazione è stato strappato dall’avanzata ucraina in pochissimi giorni. Kiev e il Cremlino sono fondamentalmente d’accordo nel disegnare l’ultima configurazione del fronte bellico. La mappa mostra i russi retrocedere molto oltre la linea autostradale M-03, limitati tra Kupjans’k e Oskil, separati dal territorio in mano all’esercito ucraino proprio dal fiume Oskil, da cui prende nome la città.

Le ipotesi disegnate dal ministero russo dipingono questa ritirata come “strategica”, volta a riorganizzare le forze in vista della riacquisizione completa di tutto il Donbass. La versione di Kiev diverge notevolmente: è una vittoria senza precedenti. Le perdite subite dall’esercito russo sarebbero quindi ingenti, anche in termini umani, ma i numeri effettivi non sono stati ancora diffusi. La mappa testimonia invece le numerose unità sconfitte e in rotta, oltre alla riorganizzazione delle unità presso le città ancora sotto l’occupazione di Mosca. Nei prossimi giorni, l’avanzata delle forze ucraine potrebbe spingersi ancora verso est.

Alberto Alessi

Seguici su Google News

Back to top button