Attualità

Cagliari, truffa da 8 milioni in Italia per il reddito di cittadinanza

La Polizia di Stato di Cagliari, ha scoperto una truffa da 8 milioni di euro sul reddito di cittadinanza. Cittadini stranieri avrebbero dichiarato di avere falsamente i requisiti per ottenere il beneficio. La domanda è stata trasmessa all’Inps tramite i Caf o le Poste Italiane. Circa 300 le persone denunciate.

L’accusa è quella di aver ottenuto indebitamente il sussidio dal 2019, per un importo complessivo di oltre 8 milioni di euro.

La truffa: false dichirazioni per ottenere il reddito

La truffa: i soldi venivano caricati sulla carta di credito delle poste -Photo Credits:open.online
La truffa: i soldi venivano caricati sulla carta di credito delle poste -Photo Credits:open.online

È stato accertato che alcuni dei denunciati venivano appositamente in Italia per chiedere il reddito. Si tratta di cittadini stranieri che hanno dichiarato falsamente di avere il permesso di soggiorno di lungo periodo, o di avere la residenza in Italia da almeno dieci anni, di cui gli ultimi due continuativi.Una volta ottenuto il reddito con false dichiarazioni, il denaro veniva “caricato” mensilmente sulla carta di credito delle Poste. In seguito ritornavano nei Paesi di origine, portando con se la carta.

La Squadra mobile ha iniziato le indagini circa otto mesi fa. L’Ufficio Immigrazione della questura, a seguito della valutazione delle domande di quanti chiedevano il permesso di soggiorno, ha scoperto che molti risultavano percettori del reddito.

200 stranieri denunciati per truffa

Nord Africa, dall’Africa sub-sahariana, sud America e Paesi balcanici, sono i luoghi di provenienza dei denunciati. Altre 200 posizioni di stranieri residenti nella provincia di Cagliari, percettori di reddito che hanno fatto istanza di permesso di soggiorno alla questura, sono al vaglio degli investigatori.

L’Inps ha segnalato i denunciati , per l’immediata revoca del beneficio. Verranno avviate le procedure per recuperare le somme percepite .

Mariapaola Trombetta

Seguici su Google News

Back to top button