Cultura

Dadirri, Parole dal Mondo: l’armonia con l’universo e con il proprio sé

Dadirri: nuovo appuntamento con la rubrica Parole dal Mondo! In quest’ultimo appuntamento del 2020, un termine che vuole auspicare un augurio per la fine dell’anno: l’armonia con il proprio essere e una completa sintonia con il mondo circostante.

Dadirri: dar voce al proprio essere e riconnettersi con la natura

Il termine in analisi deriva dalla lingua aborigena e descrive un atto di profondo e riflessivo ascolto. Miriam-Rose Ungunmerr Bauman, attivista e artista aborigena, ha descritto la parola Dadirri con un’immagine abbastanza poetica ed esplicativa:

«Dadirri è dare voce alla primavera dentro di noi».

Ma cosa si intende? Per alcuni tratti, è una sorta di richiamo alle filosofie antiche di alcuni popoli che predicavano l’importanza della completa armonia con la natura, oltre all’ascolto del proprio Io. Tale parola – intraducibile, come quasi tutte quelle trattate nella rubrica in questione – è una sorta di incastro fra una contemplazione quieta e armoniosa che, successivamente, si estende ad un profondo ascolto prima della natura; poi, dell’universo. Tale stimolo a coltivare l’armonia con il mondo circostante reca, a sua volta, una sensazione di pace sia con il proprio essere che con ciò da cui si è circondati.

L’importanza della sintonia: il potere dell’ascolto

Per gli aborigeni la pratica dell’ascolto profondo è un’abilità spirituale imprescindibile: la filosofia del Dadirri si basa sul rispetto; sull’udire quel flebile e scintillante moto interiore che è, al contempo, consapevolezza del proprio essere e attesa ma, anche, tranquillità e armonia. Dadirri è ascoltare la pioggia, contemplare il vento, porgere l’orecchio alla melodia dell’acqua che scorre.

Dadirri - Photo Credits: planetcorroboree.com.au
Dadirri – Photo Credits: planetcorroboree.com.au

Un ascolto che si attua nella piena coscienza e conoscenza della bellezza che la natura regala, ma anche nei dinamismi quotidiani: quelle giornate scandite da ritmi frenetici. Dice ancora Miriam-Rose Ungunmerr-Baumann:

“Dadirri è interiore, ascolto profondo e calma, ancora consapevolezza. Dadirri riconosce la profonda sorgente che è dentro di noi. Lo chiamiamo e ci chiama. Questo è il dono di cui l’Australia ha sete. È qualcosa di simile a ciò che chiamate “contemplazione”.

Tale filosofia non è altro, quindi, che una pratica spirituale ma anche contemplativa che esorta ad imparare a sentirsi ed accettarsi attraverso l’ascolto: sono aboliti i giudizi e le domande. Solo la mera contemplazione che risveglia un Io insabbiato da ritmi convulsi e riporta la coscienza ad uno stato primordiale: udire il proprio essere e i suoi istinti intersecandoli con l’universo è il solo modo per arrivare a ciò che il Dadirri predica: l’armonia con l’attimo e l’equilibrio con la natura poiché l’uomo non la possiede ma ne fa parte.

Stella Grillo

Foto di Copertina: Dadirri – Photo Credits: Pinterest

Stella Grillo

Io sono ancora di quelli che credono, con Croce, che di un autore contano solo le opere. (Quando contano, naturalmente.) Perciò dati biografici non ne do, o li do falsi, o comunque cerco sempre di cambiarli da una volta all'altra. Mi chieda pure quello che vuol sapere e glielo dirò. Ma non le dirò mai la verità, di questo può star sicura. Italo Calvino
Back to top button