Calcio

Finale playoff Serie C, le dichiarazioni di Longo e Mandorlini

Dopo lo 0-0 dell’andata, le due squadre si giocano tutto al ritorno. Partita bloccata, con il Padova che ha provato ad imporsi senza riuscirci. Sarà una finale playoff sicuramente piena di sorprese, con le due squadre che si sono studiate all’andata ed i due tecnici che hanno avuto modo di osservarsi all’andata dei playoff. Ecco le dichiarazioni di Moreno Longo e Andrea Mandorlini.

Le dichiarazioni di Longo post finale d’andata playoff

Queste le dichiarazioni di Moreno Longo: “Era importante disputare una gara attenta, abbiamo interpretato bene la partita concedendo davvero poco, se non conclusioni dalla distanza. L’unico rammarico è non aver trasformato la palla gol più nitida del match con Corazza. Avevo detto ai ragazzi che le finali su 180’ sono differenti per dinamica”. “Il pareggio ci avrebbe consentito di giocare un’altra gara alla pari senza dover fare rimonte come era accaduto con la Feralpisalò. Rifarei tutte le scelte, tutti i ragazzi hanno fatto bene contro una squadra che ha anche cambiato modulo. Sono contento dei subentrati, in queste partite è fondamentale l’apporto che arriva dalla difesa. Erano importanti i loro squalificati, così come le nostre assenze che avrebbero potuto cambiare la nostra squadra. Se devo sottolineare il valore delle rose è chiaro che il Padova è favorito. È una delle squadre più attrezzate, se non la più attrezzata, di tutti e tre i gironi. Stiamo parlando di una squadra di serie B che gioca in serie C. Partita a scacchi? Per me sì, mi aspettavo il 4-3-3 o il 4-3-1-2, mentre il Padova si è presentato con il 3-5-2, anche se poi ha cambiato durante la partita. Sappiamo che non saremo soli e sarebbe stato straordinario poter giocare con lo stadio pieno. Sono sicuro che i 1.000 che saranno presenti faranno il tifo per 5.000. Sarà bello averli al nostro fianco“.

Le dichiarazioni di Mandorlini prima della finale

Queste le dichiarazioni di Andrea Mandorlini prima della finale playoff: “Abbiamo recuperato anche Gasbarro, siamo tutti disponibili eccetti Santini e Della Latta. Rispetto ad Avellino quella di domani una partita diversa. Bisognerà stare molto attenti a proseguire come abbiamo fatto all’andata. Dobbiamo essere aggressivi davanti. La partita può avere diversi risvolti, tattici e nervosi. In campo servirà equilibrio. Ogni partita ha la sua storia, bisogna valutare di volta in volta. Ci sono state partite in cui non siamo stati equilibrati, quando la squadra mantiene determinati equilibri tattici può fare bene. Dobbiamo mantenere la nostra qualità e la nostra forza. In una giocata si può fare la differenza. Recuperiamo tre giocatori fondamentali per noi come Chiricò, Ronaldo e Saber. Averli recuperati ci dà il modo di recuperare alcune nostre caratteristiche e ci fanno fare un salto di qualità. Noi facciamo delle cose, loro ne fanno altre. Non ci sarà una seconda possibilità, è tutto contenuto in questa gara. I ragazzi li vedo sereni, è l’ultima gara dell’anno. Vorrei condividere una grande gioia con i ragazzi: è stato bello rimettersi in gioco ed essere qui a giocarsi questo traguardo”.

Matteo Castro

Articolo precedente

Articolo inerente

Back to top button