George Michael, artista di origine cipriota, nasce a Londra il 25 giugno 1963. Una voce potente, molto vicina a quella di Freddy Mercury, considerato un sex simbol negli anni 80, respira l’arte in quanto figlio di una danzatrice e comincia a muovere i primi passi nel campo musicale con la band The Executive insieme a Andrew Ridgeley e con il chitarrista David Austin. Ma ben presto George e Andy si staccano e formano gli Wham!.

Innervision Records, un’etichetta indipendente propone un contratto agli Wham! nel 1981 e nell’anno successivo escono due 45 giri. Il loro primo album dal titolo Fantastic esce nel 1983 e contiene brani come Wham!, Rap, Young guns, Bad Boys e Club Tropicana. I due ragazzi fanno un primo tentativo nel rap, ma poi proseguono con il pop soul. Passano poi alla Major CBS .

George Michael e il periodo “Wham”!

Make it big, album del 1984 raggiunge il successo internazionale. Brani come Wake me up before you go go, Freedom, Careless whisper ed Everything she wants, si diffondono in tutto il mondo e diventano la colonna sonora degli adolescenti degli anni 80. Il loro successo si estende anche in Cina ed è stato immortalato nel documentario in VHS Wham! In Cina.

The Final del 1986 è una doppia raccolta dei loro successi. Contiene il singolo del 1984 Last Christmas, I am your man, Different corner. Programmano lo scioglimento con un concerto a Wembley. Una notizia triste per i fan, poichè la fama del duo negli anni 80 era paragonabile a quella dei Duran Duran.

George Michael e la carriera solista

In realtà già Careless whisper e Different corner, anche se scritte in collaborazione con Andy Ridgeley avevano determinato la direzione solista di George Michael. Memorabile il suo duetto con Aretha Franklyn in I Knew you were waiting (for me). Faith che esce nel 1987 è il primo album solista. Si è ispirato a Boo Diddley, uno dei re del rock and roll. Il singolo I want your sex, famoso per il videoclip che ha subito la censura, anticipa l’uscita dell’album.

Altri brani che meritano menzione sono: Father figureOne more try e Kissing a fool e il singolo Faith che ha ricevuto numerosi riconoscimenti. L’artista intraprende un tour di due anni per promuovere Faith e riceve due Grammy Awards in genere riservati agli artisti afroamericani Rhitm and Blues e vende 20 milioni di copie.

Listen without prejudice“: la scelta di non esporsi

Significativo il titolo del secondo album da solista di George Michael Listen without prejudice Vol. 1 uscito nel 1990. Da tempo George Michael si sentiva schiavo della sua immagine, pertanto sceglie di non apparire ne’ in copertina, ne’ di rilasciare interviste. Un invito ad ascoltare la qualità della sua voce e della sua musica senza farsi influenzare dall’aspetto fisico e dall’etichetta da sex simbol che i media e i discografici hanno sfruttato. La mancata esposizione mediatica ha ripercussioni in ambito commerciale in quanto vende solo 8 milioni di copie.

Dall’album vengono estratti i singoli Freedom 90, Praying for time, Heal the pain, Waiting for the day, Cowboys and Angels. Ma le sue doti artistiche vengono comunque alla luce con due importanti collaborazioni: una con Elton John e l’altra con Stevie Wonder. Don’t Let the sun go down on me con il primo e I believe (When I fall in love it will be forever). Il tributo a Freddie Mercury nel 1992 mette ancora più in luce le qualità vocali di George Michael che raccoglie con grande bellezza ed armonia l’eredità di Freddy Mercury. Si esibisce con i Queen e con Lisa Stanfield. Memorabile la sua interpretazione di Somebody to love.

La Battaglia legale contro la Sony

Poichè George Michael non si sentiva più padrone delle sue scelte artistiche intraprende una battaglia legale contro la Sony che nel frattempo era subentrata alla CBS. Rimane per circa due anni in silenzio. Successivamente prende accordi con la Virgin e con la Dreamworks. Nel 1996 esce l’album Older dal quale vengono estratti i singoli Jesus to a child, Fastlove, Spinning the wheel, Older, Star people 97, You have been loved.

Una raccolta delle sue più famose hit esce nel 1998. Il titolo è Ladies and Gentleman: the best of George Michael che contiene i successi più importanti e tre inediti. Songs from the last Century è invece un album di cover del 1999. Egli interpreta brani di Nina Simone, dei Police e di Frank Sinatra. Il brano di punta è Roxanne dei Police. Inoltre nel 2000 duetta con Whitney Houston, If I told you that e partecipa a due importanti eventi: Pavarotti & Friends ed Equality Rocks a favore dei diritti degli omosessuali.

Patience e Twenty-five

Prende posizione contro la guerra in Iraq e contro Tony Blair e George W. Bush nel cartoon satirico che accompagna il singolo Shoot the Dog che esce nel 2002 insieme a Freeek! I due brani arrivano nelle top 20 britannica e vengono raccolti nell’album Patience del 2004. Vengono estratti altri tre singoli: Amazing, Flawless (Go to the city), Round here. Nel 2005 al Festival del Cinema di Berlino viene presentato A different story un film documentario sulla vita del cantautore.

Arrivano i 25 anni di carriera e il singolo An easier affair del 2006 anticipa l’album Twenty-five. Inizia il twenty-five tour a Barcellona nel 2006 e tocca 41 paesi. Nel 2011 parte per il Symphonica tour con un’orchestra sinfonica, ma viene ricoverato per una polmonite. Canta Freedom e White light per le Olimpiadi di Londra del 2012. Riprende il Symphonica tour, ma annulla le date australiane per stress e affaticamento. Di questa esperienza rimane l’album Symphonica che esce nel 2014.

Addio George Michael

Muore il giorno di Natale 2016 per un attacco cardiaco nella sua casa di Goring-on-Thames. Una vita attraversata dal pregiudizio sulla sua immagine. Il sex simbol negli anni 80, l’omosessualità e il suo coming out in seguito. Ma il talento ha vinto nel ricordo che ha lasciato dei suoi concerti live, nelle emozioni che ha donato, nelle opere di beneficenza. E’ andato via il giorno di Natale e ha lasciato da tempo a Band Aid i diritti d’autore della sua famosa canzone Last Christmas. Ha regalato il suo cuore alla musica e ha lasciato la bellezza come un’armonia di corpo, vocalità e spirito. E la bellezza artistica vince il tempo e il pregiudizio.

Seguiteci su metropolitanmagazineitalia e su musicametropolitanmagazine

© RIPRODUZIONE RISERVATA