ApprofondiNerd

Il franchise al cinema è donna: i cinque film guidati da eroine

Per decenni i media si sono chiesti se i franchise di donne potessero sbancare al botteghino, e guidare film d’azione. Si sa che la risposta è ovvia. Però è inevitabile dire che alcuni titoli sono stati flop e altri hanno fatto un’enorme fortuna. Infatti, per ogni rappresentazione fallita, c’è almeno un successo. E per fortuna, lo spazio per i film con protagoniste donne sta crescendo.

I cinque film guidati da eroina: il franchise è donna

Il franchise al cinema è donna: i cinque film guidati da eroine

Lara Croft

Uno dei primi adattamenti videogame è stato quello di Lara Croft: Tomb Raider. Sebbene il film del 2001 non sia stato un successo di critica, ha avuto un enorme successo al botteghino, probabilmente grazie alla base di fan già consolidata. Lara Croft ha fornito un ruolo da urlo ad attrici di due generazioni. Angelina Jolie ha interpretato l’eroina titolare nei primi due film di Tomb Raider, prima che il ruolo venisse ripreso da Alicia Vikander in Tomb Raider del 2018. Il successo del primo film ha aperto la strada alla realizzazione di altri adattamenti di videogiochi incentrati sulle donne.

Resident Evil

Seguendo le orme di Tomb Raider, il videogioco giapponese Resident Evil è stato trasformato in un film nel 2002 ed è ancora oggi un franchise in corso. I primi sei film originali hanno avuto come protagonista Milla Jovovich nel ruolo di Alice, una macchina per uccidere dotata di poteri sovrumani che deve imparare a gestire. A un certo punto, Resident Evil è stata la serie di film basata su un videogioco che ha incassato di più nella storia. Non solo il film aveva la Jovovich come leader, ma anche il cast di supporto era composto da donne per buona parte del franchise. Michelle Rodriguez, Sienna Guillory e Ali Larter hanno tutte avuto ruoli integrali nella serie di Resident Evil.

Charlie’s Angels

La storia di tre donne con un talento e una conoscenza straordinari che vengono incaricate di diventare spie top secret ha dato a nove attrici l’opportunità di spaccare il mondo nel corso degli anni. Il primo è stato uno show televisivo della metà degli anni ’70, uno dei primi drammi di un’ora nella storia della televisione ad avere come protagoniste delle donne. La narrazione classica è stata progettata per resistere alla prova del tempo e ciò si è dimostrato corretto quando è stato dato il via libera a un reboot più di due decenni dopo. Cameron Diaz, Drew Barrymore e Lucy Liu hanno guidato la serie di due film che ha prosperato nell’eccesso melodrammatico dei primi anni 2000. Sebbene i fan abbiano richiesto il terzo capitolo per anni, hanno ottenuto un remake nel 2019 con Kristen Stewart, Ella Balinska e Naomi Scott. Il filo conduttore che lega tutte e tre le generazioni del franchise è la straordinaria forza di una vera amicizia femminile.

Hunger Games

Sembra assurdo, ma anche nel 2012 era considerato un rischio avere un franchise con protagonista una donna. Nonostante tutti i suoi predecessori, The Hunger Games è stata una delle prime serie commercializzate per i giovani adulti, in particolare per le ragazze. Con personaggi come Katniss (Jennifer Lawrence), Primrose (Willow Shields), Foxface (Jacqueline Emerson), Rue (Amandla Stenberg) e Johanna Mason (Jena Malone), i film hanno fornito un’ampia rappresentazione femminile. Il franchise di Hunger Games ha avuto un grande successo (anche se l’interesse è andato scemando verso la fine della sua durata). Tuttavia, la voglia di saperne di più non è mai venuta meno, anche se l’ultimo film ha debuttato nel 2015. Un film prequel, The Ballad of Songbirds and Snakes, uscirà nel 2023.

Seguici su Google News

Arianna

Classe '93, viene adottata dalla Capitale nel 2012. La passione per la scrittura l'ha portata qui su InfoNerd. Tra anime, manga, serie tv, musica, cinema, ama tutto ciò che sia Arte.
Back to top button