MetroNerd

Il trono di spade, intervista a Miltos Yerolemou

Durante questo difficile periodo a casa, la tv e Netflix sono giunti in nostro soccorso; in particolare molte sono state le maratone delle nostre serie tv del cuore. E così, dal 26 marzo, su Sky, sono stati disponibili i 73 episodi della serie Hbo: Games of Thrones, meglio conosciuta in Italia come Il trono di spade. La mitica ed acclamata serie, tratta dai romanzi di George R. R. Martin e conclusasi lo scorso maggio, è stata presente nella sua interezza: un totale di 70 ore abbondanti, ovvero quasi tre giorni di fila a volerla vedere tutta di seguito dall’inizio alla fine.

Dal 26 marzo al 2 aprile sono dunque state pubblicate le stagioni: una stagione ogni giorno (la prima il 26 marzo, la seconda il 27 e così via fino all’ultima il 2 aprile), sul canale 111 della piattaforma, rinominato per l’occasione Sky Atlantic: Il Trono di Spade.

Il Trono di Spade - Games of thrones - Maratona - foto dal web
Il Trono di Spade – Games of thrones – Maratona – foto dal web

E, poiché questo è il regalo che vi ha fatto Sky, noi di Metropolitan Magazine vogliamo farvene un altro: abbiamo infatti intervistato uno degli interpreti della serie, e non uno qualsiasi… bensì uno il cui personaggio di spade se ne intendeva davvero. Avete già capito? Esatto, sto parlando di Syrio Forel, il “maestro di danza” di Arya Stark e Prima Spada di Braavos. L’attore che lo ha interpretato è Miltos Yerolemou.

MM : Buongiorno, Miltos. Come stai passando le tue giornate, durante questi tempi duri?

M.Y.: Beh, devo dire che sono fortunato, perché non sono da solo: sono insieme alla mia fidanzata Holly e al mio cane Louis. Ad essere onesti, per quanto riguarda me ed il mio mestiere, mi capita a volte di passare mesi come questo… ma per la mia compagna, che è un’insegnante, è di certo un grosso cambiamento. Ma credo sia il cane a mantenerci “sani”, e poi io mi tengo impegnato facendo musica, cucinando e facendo il pane, e poi faccio dei video per i fan e per coloro che come i dottori sono in prima linea, così come le inferimiere e chi si occupa di salute. Mi si spezza il cuore a pensare a tutte queste morti ed a come sia stato disorganizzato il governo inglese e sinceramente non so quando rivedrò ancora i miei genitori: loro vivono a Cipro ed io negli UK.

Il Trono di Spade - Syrio Forel
Il Trono di Spade – Syrio Forel

MM : Per allietare le giornate di chi è chiuso in casa, qui in Italia Sky ha indetto una maratona di Games of Thrones. Raccontaci qualcosa della tua esperienza nella saga.

M.Y.: E’ stato un progetto del quale sono tutt’oggi immensamente fiero. Ed essere stato parte del “vero inizio” è anche qualcosa di cui sono grato. (Syrio Forel è infatti nella Prima Stagione della serie, ndt) E’ stato sicuramente uno show che ha toccato l’immaginazione di così tante persone e attirato anche i fan dei libri. So che il finale della serie tv è stata controversa, ma è testimonianza di quanto sia stato amato lo show, anche se non doveva certo piacere a tutti.

La serie è stata girata con passione e dedizione, e con i migliori del settore, e credo sarà sempre un esempio per dimostrare come si facciano gli show televisivi, per chi si cimenterà da oggi in poi. Riguardo me…beh, mi ha cambiato la vita,e credo non ci sia nulla di più eccitante che interpretare un personaggio tanto amato e decisamente più “cool” di quanto sia io nella mia vita reale. (ride)

MM : Che cosa vorresti dire ai tuoi fan italiani durante questo periodo?

M.Y.: Vorrei solo dire che il mio cuore batte per l’Italia, il vostro Paese ha attraversato molto dolore e sofferenza, e sono con tutti i dottori e gli infermieri e in generale con tutto il popolo Italiano. Spero che stiate tutti al sicuro e che stiate bene e che ci riabbracceremo dopo che sarà finito tutto questo. l’Italia è un posto davvero speciale per me e le persone che ci vivono sono nel mio cuore.

MM : Quali sono i tuoi progetti di lavoro per il prossimo futuro?

M.Y.: Avevo appena iniziato le prove per uno spettacolo teatrale a Londra, ma è stato cancellato dopo appena una settimana… probabilmente, però, lo riprenderemo in futuro. Il prossimo film nel quale potrete vedermi, invece, è il seguito di: The Hitman’s Bodyguard. Io interpreto un boss della mafia italiana che prova ad uccidere Samuel L. Jackson. Mi scuso anzi con tutti gli Italiani per la mia rappresentazione…

Dopo aver parlato con Miltos, concludiamo con un augurio speciale citando le parole di Syrio Forel:

Esiste un solo dio, e il suo nome è Morte. E c’è una sola cosa che diciamo alla Morte: “Non oggi”.Syrio Forel ad Arya Stark

Seguici su facebook

Back to top button