Calcio

Kvaratskhelia-Koopmeiners: sorpresa in cima ai marcatori di Serie A

Adv

Il prologo di questo campionato di Serie A è sempre stato chiaro e, forse, anche piuttosto onesto. Tutti gli appassionati si sono scontrati con la realtà dei fatti che ha bollato, insistentemente, questo torneo come “il più atipico ed impronosticabile del secolo“. Il motivo di questo pittoresco soprannome è da ricercare, ovviamente, nella disputa invernale (partenza a novembre) dei Mondiali di calcio che faranno tappa in Qatar. L’universo dei campionati nazionali dovrà cedere il passo, quindi, alla rassegna iridata chiudendo bottega nell’undicesimo mese dell’anno e riaprendo i battenti soltanto quando il 2023 compirà i suoi primi, speranzosi, vagiti. Una stagione di sorprese, dove l’impossibile potrebbe diventare magicamente reale. Tra lo stupore generale. Un piccolo sentore di questa incertezza incontrollata arriva, attualmente, dalla vetta della classifica marcatori della massima serie: accanto a Dusan Vlahovic, di professione bomber, sgomita l’insolita coppia Kvaratskhelia-Koopmeiners. Una “doppia K” pronta a dettare legge anche in zona gol.

Kvaratskhelia-Koopmeiners, non solo assist e giocate: Napoli ed Atalanta possono contare su due bomber in più

(Credit foto – pagina Facebook Atalanta Bergamasca Calcio)

Khvicha Kvaratskhelia e Teun Koopmeiners. Ecco la coppia che, inaspettatamente, si è affiancata al conclamato cecchino della Juventus diventando il terrore delle difese avversarie in questo inizio di Serie A. Entrambi a quota quattro reti nella classifica marcatori, l’ala dei partenopei ed il centrocampista della Dea sono riusciti a timbrare sistematicamente il cartellino contribuendo, in modo sostanziale, alle fortune iniziali di Atalanta e Napoli. Non a caso, i nerazzurri hanno incassato 10 punti (con una gara in meno da disputare domani) e gli azzurri sono attualmente i primatisti della graduatoria (aspettando Roma e, appunto, i bergamaschi) insieme al Milan con 11 lunghezze messe a referto.

L’importanza del duo Kvaratskhelia-Koopmeiners è ancor più tangibile se si analizza il dato delle “reti complessive” siglate dai loro club di appartenenza: i campani hanno realizzato dodici gol totali e quattro sono dell’ex Dinamo Batumi, mentre i numeri per i bergamaschi sono ancor più straordinari con l’ex AZ Alkmaar che ha firmato quattro dei sette gol messi a referto dalla squadra di Gian Piero Gasperini. Statistiche impensabili prima dell’inizio di questa stagione.

Due calciatori in grado di spostare gli equilibri

Il georgiano ha un nome difficile da pronunciare ma, per fortuna di Luciano Spalletti, risulta anche complesso da marcare all’interno del rettangolo verde di gioco. Khvicha Kvaratskhelia è certamente la sorpresa più scintillante di questo avvio di Serie A. E non solo per i gol (alcuni di pregevolissima fattura) messi a segno: corsa, tecnica, fisico e propensione al sacrificio. L’ala nata a Tbilisi ha impattato alla grande con il campionato italiano mostrando tutte le migliori caratteristiche del suo repertorio: arrivato per 10 milioni di euro, il valore di mercato del classe 2001 è già raddoppiato. Una scommessa fin qui vinta da Aurelio De Laurentiis e Cristiano Giuntoli. Per la gioia del tecnico toscano.

L’olandese dell’Atalanta è arrivato in Italia lo scorso anno, ma in questo avvio ha già pareggiato il suo record di realizzazioni in Serie A: nel campionato passato aveva messo a referto quattro gol in trenta partite, mentre quest’anno può giù vantare un poker di reti incentivate, fortemente, da due calci di rigori sapientemente segnati. Ma un tiro dal dischetto, alla fine, conta come un gol su azione. In questa stagione di grandi cambiamenti per la Dea, Gian Piero Gasperini ha affidato al 24enne le chiavi del suo centrocampo: visione di gioco, inserimenti, lotta in mezzo al campo ed un gran tiro dalla distanza sono caratteristiche che fanno di Teun Koopmeiners, arrivato quasi in punta di piedi, un tassello imprescindibile. Cosa accadrebbe se riuscisse ad aumentare la sua vena realizzata? In quel caso, ne siamo certi, diversi top club europei busserebbero alla porta dei nerazzurri. E nessuno potrebbe biasimarli.

ANDREA MARI

(Credit foto in copertina – pagina Facebook del calciatore georgiano)

Seguici su Google News

Adv
Pulsante per tornare all'inizio