Moda

La moda post Covid: le nuove tendenze dopo il cambiamento

Il post Covid ha influenzato anche il settore moda: sempre più brand si concentrano sulla vendita online. Se da casa è più comodo, non si rinuncia però all’attenzione alla produzione sostenibile. In crescita la sezione shopping dei social. Vediamo quali sono le conseguenze dei mesi passati in casa sugli acquisti di moda

Le tendenze di acquisto dopo il Covid: cresce la vendita online

Photocredit: ladynomics.it

La pandemia ha cambiato anche le nostre abitudini in fatto di moda. Prima di tutto ha inciso sulla produzione: nel momento del picco del 2020 è calata del 37,4%. Se la difficoltà per le aziende è stata forte, ha anche permesso di spostare l’attenzione sui metodi con cui far fronte alla crisi. La risposta è stata la digitalizzazione: più cura nel sito online del brand, migliori opzioni logistiche, nuove strategie social. Questo ha permesso alle vendite online di crescere esponenzialmente: il valore di mercato del settore abbigliamento negli Usa potrebbe arrivare a 300 miliardi di dollari nel 2025.

La digitalizzazione però non mette in secondo piano le questioni etiche che si sono sollevate negli ultimi anni e che anzi la pandemia ha messo ancora più in risalto. L’attenzione all’ambiente e alle condizioni dei lavoratori sono sempre più importanti. I maggiori siti (soprattutto di fast fashion) cercano di fare dei passi avanti dedicando sui siti web una sezione a riguardo.

I social sono sempre più importanti nelle strategie di vendita. Tra i molti la sezione shopping di instragram (instagram shoppable posts) ha avuto una crescita esponenziale. Le aziende possono inserire il link affiliato sulla foto con il capo d’abbigliamento in questione, basta cliccarvi sopra e l’acquisto è fatto: semplice e veloce. Un altra strategia in crescita è quella degli Adv: influencer più o meno conosciuti mostrano i capi nell proprie storie di instagram insieme al link affiliato. Un vantaggio anche per gli acquirenti: vedere indossati i capi da persone “normali” non necessariamente con un fisico da modello.

Francesca De Fabrizio

Seguici su Google News

Back to top button