Possiamo davvero dire che il mondo della moda è per tutti? Possiamo davvero affermare che chiunque possa sfilare in passerella? A guardare la storia di Lea T forse si, ma quanti ostacoli ha dovuto superare? Quanta cattiveria gira ancora intorno alla sua figura?

Lea T, nasce Leandro ed è la prima modella transessuale a salire sulle passerelle dell’alta moda, fortissimamente voluta da Riccardo Tisci, all’epoca direttore creativo di Givenchy e al quale ha dedicato la lettera T del suo nuovo nome. Oggi combatte la sua battaglia contro ogni tipo di discriminazione.

Lea T per Pantene - credit: Io Donna
Lea T per Pantene – credit: Io Donna

Lea T e la campagna Pantene contro le etichette di genere

La modella ha lottato una vita per essere fuori dalle etichette di genere ed è stata scelta insieme ad altre attiviste transgender per la campagna Pantene #HairHasNoGenderAngela Ponce, prima trans ammessa a Miss Universo, Paris Lees, editor di Vogue UK, Travis Alabanza, artista e autrice e Parisa Madani, performer berlinese. Ciascuna con la propria storia di transizione e di coraggio.

Una campagna che va contro stereotipi, cliché e canoni estetici di genere e che ha fatto emergere l’attenzione delle persone su questi temi ancora così pieni di pregiudizioni e discriminazioni.

Le protagoniste delle spot Pantene - credit: MF fashion
Le protagoniste delle spot Pantene – credit: MF fashion

La sua vita tra moda e attivismo

Riuscire ad essersi inserita nel mondo della moda e del fashion e nello stesso tempo poter comunicare un messaggio e fare attivismo non è stato affatto semplice per Lea T, ma la sua tenacia e la sua voglia di comunicare un messaggio al mondo è sempre stato il motore di tutto il suo percorso.

E ora, anche la bellezza è pronta: non abbiamo più bisogno di belle statuine. Noi siamo più di questo, e lo dico da donna. E se lo spot di uno shampoo, un balsamo, può aiutare qualcuno a rivelarsi, a sentirsi fiero di se stesso e auto-accettarsi per quello che è, allora sì che il sistema sta cambiando.

Lea T in passerella - credit: el pais
Lea T in passerella – credit: el pais

La sua trasformazione

La trasformazione di Lea inizia a 25 anni, ma in realtà lei stessa dichiara che la sua trasformazione è un processo continuo e che, alla fine, quella che conta davvero di più è quella mentale. Cresce ogni giorni, ama studiare, leggere, analizzare concetti e situazioni. Alla fine ama la vita, abbracciarla e viverla a pieno, con tutte le trasformazioni che comporta in ognuno di noi.

Seguici su facebook

© RIPRODUZIONE RISERVATA