Il Parco di Pinocchio, dove regna la fantasia

Con l’occasione di ricordare Carlo Collodi, di cui da poco si è svolto l’anniversario di nascita, ViaggiAmo oggi ci porta al Parco di Pinocchio. Collocato proprio a Collodi, nei pressi di Pistoia, il Parco è in grado di far entrare il visitatore nel mondo fiabesco del burattino più amato della letteratura.

Un luogo incantato tra i personaggi del romanzo

E’ ancora la Toscana ad ospitare uno dei luoghi più affascinanti e sognanti del paese. Questa volta siamo a Collodi, frazione del comune di Pescia, resa celebra proprio per aver offerto il nome a Carlo Lorenzini, autore de Le avventure di Pinocchio. Dedicato proprio al famoso burattino che desiderava diventare un bambino vero, è il Parco completamente immerso nella vegetazione. Una caratteristica del luogo è, infatti, un fascino quasi retrò: nulla al suo interno ha a che fare con effetti speciali o attrazioni che lasciano a bocca aperta; al massimo troverete limpide acque che zampillano da fontane in bronzo! Le vere protagoniste sono, dopotutto, grandi sculture in bronzo e varie opere di artisti che hanno lavorato per il parco dal 1956, anno di apertura del giardino, ad oggi.

Potrete passeggiare tra la curatissima vegetazione e vi stupirà incontrare i personaggi che hanno reso celebre Pinocchio: la Fatina, il Gatto e la Volpe e molti altri permettono ai visitatori di ripercorrere alcuni tra gli episodi più significativi della favola. Naturalmente non potrà mancare lo stesso protagonista, il burattino, il cui volto compare lungo le varie attrazioni del Parco.

Una delle rappresentazioni in bronzo di Pinocchio a Collodi. PhotoCredit: FidelityViaggi.
Una delle rappresentazioni in bronzo di Pinocchio a Collodi. PhotoCredit: FidelityViaggi.

Le attrazioni del Parco di Pinocchio

Per una giornata all’insegna del divertimento, non potete non visitare il Parco di Pinocchio, non solo ideale per i più piccoli! Oltre ad incontrare i vari personaggi del racconto, troverete diversissime e curiose attrazioni che vi faranno sognare. All’ingresso del parco di Pinocchio una grande statua del vivace burattino a cavallo conduce nello spazio adibito a museo. Qui è possibile trovare delle illustrazioni, costumi, oggetti legati alla figura del simpatico burattino. Da questo punto, la visita del Parco è tutta all’aperto: è sicuramente il luogo adatto per dare sfogo alla fantasia e creatività dei bambini.

Molto interessanti sono il Labirinto in edera e la gigantesca Scacchiera: i visitatori potranno prendere parte in prima persona alle avventure di Pinocchio. Non può, naturalmente, mancare il Teatro dei burattini, dove vengono messe in scena storie esilaranti. Ancora tante sono le attrazioni, tra cui il Parco di Geppetto, il Gioco dell’oca e la Piazzetta dei Mosaici.

Il Villaggio di Pinocchio e i parchi avventura

Finalmente si giunge al Villaggio di Pinocchio, dove si potranno incontrare tutti i nostri personaggi preferiti, rivivendo le avventure del simpatico Pinocchio. Sicuramente da non perdere è, in questa fase, la visita al grandissimo pescecane del libro di Collodi. Poi tramutato in balena nella versione cinematografica, nel Parco si può entrare nella sua bocca zigzagando tra i suoi denti e salire sulla schiena per vedere gli ampi spruzzi che emette.

Pescecane, Collodi. PhotoCredit: Famigliaontheroad.
Pescecane, Collodi. PhotoCredit: Famigliaontheroad.

In conclusione, all’estremità del parco di Pinocchio, accanto al piccolo fiume che lo circonda, si trovano i due parchi avventura. Qui, i più piccoli potranno sentirsi liberi di giocare, arrampicandosi lungo percorsi prestabiliti. Sarà davvero divertente vestire i panni di Pinocchio e vivere le sue mille avventure!

Martina Pipitone

© RIPRODUZIONE RISERVATA