CalcioSport

Pirlo da l’ok e la Juve riscatta McKennie

Lo statunitense ha spazzato via ogni dubbio a suon di prestazioni. La Juventus si prepara a trattenere il suo jolly. Arrivato a Torino lo scorso fine agosto, Weston McKennie si è ritagliato un ruolo fondamentale nelle gerarchie di Pirlo. Passato in secondo piano al suo approdo in Italia, McKennie è diventato l’anima della squadra bianconera, facendo innamorare i tifosi. La società bianconera è quindi pronta a riscattarlo, anche qualora non venissero raggiunti gli obiettivi previsti: l’accordo prevedeva infatti un prestito con diritto di riscatto per 4,5 milioni. Tale diritto sarebbe diventato obbligo per 18,5 milioni, pagabili in tre momenti distinti, al raggiungimento di determinati obiettivi sportivi. A questa cifra si sarebbero infine aggiunti 7 milioni per ulteriori diritti.

Non solo McKennie, gli USA sfornano talenti

McKennie fa parte della nuova generazione USA, la quale vanta gioielli come Christian Pulisic, di proprietà del Chelsea, Sergino Dest, del Barcellona, Giovanni Reyna, esterno del Borussia Dortmund, e molti altri. Un bacino di talenti da tenere d’occhio in ottica Mondiale 2026, che gli Stati Uniti ospiteranno insieme a Canada e Messico.

Back to top button