Cronaca

Quarta dose: per Andrea Crisanti ci sono problemi economici e fisici

Adv
Adv

Si discute in questi giorni, data la vasta diffusione di Omicron, se è necessaria o meno una quarta dose di vaccini. Per il direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell’università di Padova Andrea Crisanti la quarta dose comporterebbe un aggravio sul servizio sanitario nazionale ed il nostro fisico non sarebbe tarato per un una nuova vaccinazione in poco tempo.

Andrea Crisanti e la quarta dose

Fare un vaccino ogni quattro mesi pone un aggravio sul servizio sanitario nazionale senza precedenti In quattro mesi devi vaccinare 40 milioni di persone, dieci al mese. Non è sostenibile a lungo termine. Il nostro fisico non è tarato per subire quattro vaccinazioni ogni anno”. È quanto dichiarato da Andrea Crisanti, ospite del programma televisivo Accordi e Disaccordi. Il direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell’università di Padova ha detto la sua su un problema in discussione di questi giorni come quello della quarta dose. Lo ha fatto superando le cautele di alcuni suoi colleghi che hanno chiesto di verificare prima gli effetti della terza dose e ponendo un deciso stop all’argomento.

Il miglioramento dei vaccini

I vaccini ci hanno salvato e dobbiamo utilizzarli ma hanno dei limiti e il riconoscimento dei limiti pone l’esigenza di svilupparne una nuova classe. In passato abbiamo fatto vaccini contro altri patogeni con una durata spettacolare. Ogni patogeno e vaccino hanno le loro peculiarità, ma il margine di miglioramento c’è. Perché è il primo vaccino che dà una protezione di quattro mesi, si pone sulla scala molto inferiore su durata di protezione. C’è margine di miglioramento sicuramente”.

Come si evince da queste parole Crisanti auspica un miglioramento del vaccino prima di eventuali nuove somministrazioni. Aveva infatti affermato, ospite ad Agorà, che “bisogna investire e sviluppare vaccini che abbiano una durata maggiore, costino meno e abbiano una proprietà intellettuale che appartenga agli stati. Non possono esserci differenze tra i paesi come quelle attuali, che sono inaccettabili”.

Stefano Delle Cave

Adv
Adv

Stefano Delle Cave

Stefano Delle Cave è scrittore, giornalista pubblicista e regista. Laureato magistrale in D.A.M.S. all’Università di Roma Tre. Gli articoli redatti da Stefano giornalista hanno per tema il cinema, la cultura e la società civile in genere.

Related Articles

Back to top button