Musica

Raffaella Carrà, la punta di diamante dello spettacolo italiano

Raffaella Carrà è l’orgoglio dello spettacolo italiano. Cantante, ballerina, attrice, showgirl, conduttrice televisiva e radiofonica; insomma un pacchetto completo. Grande artista, Raffaella Maria Roberta Pelloni (questo il vero nome della Carrà), è sempre stata presente sulla televisione nazionale.

Una vera e propria carriera da stella, senza se e senza ma. E non solo qui in Italia; anche la Spagna è follemente innamorata dell’artista bolognese. Classe 1943, la Carrà si è subito distinta per le sue grandi doti, tanto da iniziare a dedicarsi alla carriera di ballerina sin da quando aveva solo otto anni. E poi, si sa, il resto è storia. Cerchiamo però di scoprire qualcosa in più su questo mito dello spettacolo nostrano.

Raffaella Carrà, creditphoto: wikipedia.it
Raffaella Carrà, creditphoto: wikipedia.it

Raffaella Carrà e il cambio di cognome

La Carrà non scelse da sola di cambiare il suo cognome. Il suggerimento infatti arrivò da qualcun altro: fu il regista e sceneggiatore italiano Dante Guardamagna a consigliare a una giovanissima Raffaella questa mossa.

Il motivo? Guardamagna era un grande appassionato di pittura, e associò il nome di Raffaella, al famosissimo pittore Raffaello Sanzio, aggiungendo il cognome di un altro noto pittore, Carlo Carrà. Quando si dice che esiste chi è fatto di sola arte!

Raffaella Carrà, creditphoto: wikipedia.it
Raffaella Carrà, creditphoto: wikipedia.it

I sogni poco conosciuti di Raffaella Carrà

La Carrà, lo sanno tutti, è una leonessa da palcoscenico. Ma per anni è stata convinta che la danza non fosse proprio adatta a lei. Non credendo di poter sfondare come ballerina, si era creata un piccolo sogno nel cassetto: quello di diventare una coreografa. Avrebbe così potuto finalmente esporre al mondo la sua grande vena artistica e musicale.

Non solo spettacolo. Raffaella ha sempre sognato anche di avere un programma di cucina tutto suo.

Lo scandalo del Tuca Tuca

Il Tuca Tuca è un ballo famosissimo in tutta Italia. Non conta la generazione di cui si fa parte, questo genere di danza piace a tutti. La canzone (con il ballo ideato da Don Lurio e Enzo Paolo Turchi), fu lanciata dalla Carrà nel 1971, durante la sesta puntata di Canzonissima. Se si pensa al fatto che si sta parlando di quasi 50 anni fa, ci si rende conto che il Tuca Tuca potesse risultare particolarmente osè.

Nonostante ciò, il ballo ottenne un successo incredibile, e ancora oggi è una delle danze più conosciute della musica italiana.

Arriva il successo per la Carrà: ecco Carramba!

Sono però gli anni Novanta a consacrare la Carrà. Il successo arrivò specialmente grazie a Carramba! Che sorpresa, il programma su Rai 1 che vide Raffaella come conduttrice, ideato da Sergio Japino e Brando Giordani, e che si rifaceva al già esistente format inglese Surprise Surprise!

Durante la messa in onda, la showgirl bolognese coinvolgeva gli spettatori in diretta con sorprese e colpi di scena inaspettate. Uno dei momenti più attesi da tutti erano gli incontri di parenti o amici che non si vedevano da anni, e che si ritrovavano proprio lì, su quel palco, davanti a un’emozionata Raffaella.

Raffaella Carrà. creditphoto: superguidatv.it
Raffaella Carrà. creditphoto: superguidatv.it

Carramba! Che sopresa era un programma con un seguito incredibile. Si stima infatti che già dalla prima edizione segnò un record di ascolti, con una media di 10.000.000 di telespettatori, riconfermati negli anni a venire. Un successo strabiliante, che fu dovuto anche alle grandi doti della Carrà.

Chiara Moccia

Seguici anche su

Metropolitan Music

Back to top button