Calcio

Scamacca, Ninkovic e Magnani: l’Hellas Verona apre il valzer di mercato

L’Hellas Verona vuole affrontare il suo secondo anno consecutivo in Serie A ponendosi come obiettivo quello di migliorare ancor di più. Dopo il fantastico, a tratti esaltante, campionato appena concluso, la squadra allenata da Ivan Juric cerca conferme importanti. Maurizio Setti, proprietario del club, e Tony D’Amico, direttore sportivo dei gialloblu, vogliono regalare al tecnico croato una rosa in grado di stupire scommettendo su altri calciatori. Per questo, gli Scaligeri sono impegnati in un valzer di calciomercato quasi infinito: dalle parti di Romeo e Giulietta piacciono Gianluca Scamacca, Nikola Ninkovic e Giangiacomo Magnani.

Scamacca (Credit: Getty Images)
Scamacca (Credit: Getty Images)

Scamacca e Ninkovic in attacco, Magnani in difesa: le mosse dell’Hellas Verona

Un valzer di calciomercato caotico, complicato ma da ballare al meglio delle proprie possibilità. L’Hellas Verona è immerso nella trattative dopo aver disputato un’ottima stagione di Serie A. Ceduti Sofyan Amrabat (Fiorentina) e Amir Rrahmani (Napoli), in uscita le voci si concentrano tutte su Marash Kumbulla, conteso da Inter e Lazio. Nelle ultime ore, sembra che l’Atalanta abbia messo gli occhi anche su Darko Lazovic, laterale serbo che tanto bene ha fatto in maglia gialloblu. Anche Davide Faraoni ha stregato due big: l’esterno basso piace a Napoli e Roma.

Ma sarà solo un fuggi fuggi da Verona? Ovviamente no. Secondo quanto riportato da calciomercato.com, l’Hellas Verona punta a trattenere Matteo Pessina che potrebbe rientrare, quindi, proprio nella trattativa per il serbo con i bergamaschi. In attacco piacciono Gianluca Scamacca e Gianluca Caprari mentre per la difesa, sempre dal Sassuolo, potrebbe arrivare Giangiacomo Magnani.

Il Corriere dello Sport, invece, racconta di un altro profilo per l’attacco veneto: si tratta di Nikola Ninkovic, ala dell’Ascoli che dal 2018 ha messo insieme, in maglia bianconera, 68 presenze e 14 goal. Piace moltissimo a Ivan Juric.

Seguici su Metropolitan Magazine

Back to top button