Leonardo DiCaprio compie quarantacinque anni e mai un passo falso. Ovunque va incanta il pubblico. Scopriamo oggi chi è (davvero) l’attore statunitense.

Gli esordi

Leonardo DiCaprio inizia a muovere i primi passi nel mondo del cinema e della tv a soli tre anni invitato a partecipare al programma “Romper Room” che andò in onda dal 1953 al 1994. Più avanti, all’età di 17 anni, ottenne un ruolo nel film “Voglia di Ricominciare” affiancando Robert de Niro. DiCaprio, negli anni a venire, realizzò lungometraggi come “Buon Compleanno Mr. Grape“, “Romeo+Giulietta” e “La Stanza di Marvin” con Meryl Streep.

Il successo

Nel 1997 esce “Titanic” e fu da subito un successo. Allora era il film con il maggior incasso (1.850.300.000 dollari nel 1998) e il maggior numero di premi Oscar mai realizzato. Da quel momento DiCaprio divenne molto noto al grande pubblico. Dal 2000 in poi l’attore inizia a collaborare con Martin Scorsese, come nel lungometraggio “Gangs Of New York” che riuscì ad ottenere un fortissimo riscontro al botteghino.

Altre pellicole che caratterizzano il recente percorso artistico del Premio Oscar sono: “Il Grande Gatsby”, “Revolutionary Road”, “The Wolf Of Wall Street” e “Revenant – Redivivo”. Infine, l’ultimo lungometraggio che ha diviso pubblico e critica è ” C’era una volta a.. Hollywood” con Brad Pitt e la regia di Quentin Tarantino. Insomma una carriera fatta di alti e bassi sempre a un passo vicino all’Oscar.

L’impegno per l’ambiente

Leonardo DiCaprio è da sempre impegnato in difesa dell’ambiente. Dal 1998 ad oggi con la sua fondazione ha aiutato l’ecosistema con oltre 80 milioni di dollari e più di 200 progetti. Lo scorso agosto, per esempio, ha donato 5 milioni di dollari per l’incendio che ha devastato l’Amazzonia. Recentemente ha incontrato l’attivista Greta Thunberg, la sedicenne attivista svedese che è diventata il nuovo punto di riferimento dei giovanissimi per la lotta al cambiamento climatico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo precedente“Quadrivium”: l’evento di presentazione
Articolo successivoDS Techeetah Formula E, si riconfermerà al vertice?