ApprofondiNerd

The Umbrella Academy: la famiglia disfunzionale che funziona

Gerard Way è riuscito a ideare The Umbrella Academy nel 2008 fra una tappa e l’altra del tour con i My Chemical Romance. E la protagonista indiscussa del suo fumetto e conseguentemente della serie Tv, è la Famiglia Hargreeves, che ha saputo conquistare il pubblico in tutta la sua complessità.

Per chi ancora non ne avesse mai sentito parlare, The Umbrella Academy parla di 7 dei 43 bambini nati tutti il 1 ottobre 1989, da donne che non erano incinte fino a quel giorno. Questi 7 bambini sono adottati dal milionario inventore Sir Reginald Hargreeves, con lo scopo di creare una squadra di prodigiosi talenti che salverà il mondo. O almeno questo è l’intento… Dato che i bambini crescendo, decidono di abbandonare la casa di Sir Hargreeves, e di prendere ognuno la loro strada. Si riuniranno solo anni dopo, a causa del funerale del padre…

Proprio il funerale del loro freddo padre, quando sono tutti riuniti nella villa dove sono cresciuti, assieme allo scimpanzè Pogo ( divenuto parlante in seguito agli esperimenti di Sir Hargreeves) e al Robot Mamma Grace, è il punto iniziale della nostra storia. Il momento in cui li conosciamo uno ad uno, e dove si comincia a capire che in questa storia non ci sono solo super poteri. I ragazzi sono chiamati da Sir Hargreeves per numero, ed è così che ci vengono presentati.

I Membri della Umbrella Academy:

1) Space Boy

Luther Hargreeves ( Tom Hopper) - photocredits: JioForme
Luther Hargreeves ( Tom Hopper) – photocredits: JioForme

Numero 1 è Luther, soprannominato Space Boy. Il più devoto al padre, l’ultimo e l’unico che ha abbandonato il nido solo perché Sir Hargreeves decide di spedirlo in missione sulla luna. Questo dopo che per salvargli la vita dopo un’incidente in una missione solitaria, il padre lo ha quasi trasformato completamente in uno scimmione. Luther dovrebbe essere il Leader della squadra, ma in realtà è il più sensibile. Fin da bambino, è innamorato di Allison, Numero 3.

Tom Hopper, che molti avranno riconosciuto per aver interpretato un’abbrustolito Dickon Tarly nel Trono di Spade, o per i suoi ruoli in Black Sails, e Merlin, o ancora per aver recitato in uno degli episodi di Doctor Who, è l’unico del cast della serie che ha dovuto seguire un allenamento speciale per mettere su una massa muscolare degna del personaggio di Luther.

2) Il Kraken

Diego Hargreeves ( David  Castañeda ) - photocredits: Brief Take
Diego Hargreeves ( David Castañeda ) – photocredits: Brief Take

Numero 2 è Diego, il Kraken. Abbandonata la Academy, vive nello scantinato di una palestra e cerca di perpetuare la sua attività da vigilante, affiancando una detective di cui è innamorato. Riesce a far curvare i coltelli, che non sono l’unica cosa affilata che possiede, infatti i suoi modi taglienti lo mettono sempre in contrapposizione con tutti i membri della famiglia. Specialmente con Luther, di cui invidia -l’inesistente- ruolo di capo.

David Castañeda è l’attore chicano che interpreta Diego, personaggio che ha consolidato la sua carriera, iniziata a 17 anni, che lo ha portato a recitare in serie come Jane The Virgin, Lie to Me, o Switched at Birth o in produzioni come il film di Ayer, End Of Watch.

3) La Voce

THE UMBRELLA ACADEMY EMMY RAVER-LAMPMAN as ALLISON HARGREEVES in episode 206 of THE UMBRELLA ACADEMY Cr. CHRISTOS KALOHORIDIS/NETFLIX © 2020
THE UMBRELLA ACADEMY EMMY RAVER-LAMPMAN as ALLISON HARGREEVES in episode 206 of THE UMBRELLA ACADEMY Cr. CHRISTOS KALOHORIDIS/NETFLIX © 2020

Numero 3 è Allison, La voce. Allison è quella che più di tutti si è svincolata dalla dinamica familiare, riuscendo a mettersi alle spalle la sua infanzia e costruendosi una nuova vita con un compagno e una figlia, e una fiorente carriera da attrice. Questo soprattutto grazie al suo potere per cui, quando pronuncia la frase <Ho sentito delle voci…> quelle si avverano.. quando il compagno la scopre, mentre lo usa sulla figlia per farla addormentare, Allison viene allontanata, e si ritrova costretta a dover riflettere sul suo passato.

Emmy Raver-Lampman prima di raggiungere la fama nel ruolo di Allison, aveva avuto già un discreto successo recitando a Brodway, in musical del calibro di Jekyll e Hyde e Hamilton. Anche lei ha avuto un ruolo in 2 episodi di Jane the Virgin.

4) Medium

Klaus Hargreeves ( Robert Sheenan ) The Umbrella Academy - photocredits: lascimmiapensa.com
Klaus Hargreeves ( Robert Sheenan ) The Umbrella Academy – photocredits: lascimmiapensa.com

Numero 4 è Klaus Hargreeves, Medium. Sarà un pò a causa del suo potere, ma Klaus è il più eccentrico dei fratelli Hargreeves. E’ in grado di comunicare con i morti, cosa che ha spinto Sir Hargreeves a rinchiuderlo per ore dentro una tomba per fargli sviluppare i suoi poteri; ma che non gli ha conferito un ruolo di rilievo durante le missioni della Academy. E che ha portato i suoi fratelli a vederlo come il divertente ma perso Klaus. Difatti per non essere costretto a sentire le voci dei defunti, si abbandona ad Alcool e Droga, così da essere troppo fatto e inibire i suoi poteri. Poteri che gli consentono però di avere sempre al suo fianco il fratello defunto Ben, Numero 6.

Se avete visto Misfits, saprete già che l’irlandese Robert Sheehan era perfetto per questa parte, in quanto per lo stesso attore “il personaggio di Klaus è un incrocio tra Nathan Young e Frank-N-Furter di The Rocky Horror Show”. Robert Sheehan inizia la sua carriera all’età di 15 anni e non si è mai fermato; le sue interpretazioni più famose sono oltre al già citato Misfits, nella serie irlandese Love/Hate, in Shadowhunters, e in Macchine Mortali diretto da Peter Jackson. Conduce insieme a Tom Hopper, un podcast chiamato The Earth Locker, dove intervistano scienziati, dottori e ambientalisti su tematiche come l’inquinamento ambientale e molto altro.

5) Il Ragazzo

5 ( Aiden Gallagher ) - Photocredits: Everyeye Serie Tv
5 ( Aiden Gallagher) – photocredits: Everyeye Serie Tv

Cinque è l’unico di cui non conosciamo il nome. Ha il potere di viaggiare nello spazio e nel tempo, e proprio a causa della sua volontà di ribellarsi a Sir Hargreeves, che gli ha imposto di non utilizzare il viaggio nel tempo perchè sarebbe stato troppo pericoloso, si ritrova appena adolescente a fare un viaggio nel futuro, pochi giorni dopo l’apocalisse, incapace di poter tornare indietro. Qui viene raggiunto da Handler, e ingaggiato come assassino professionista dalla Commissione. Quando riuscirà a viaggiare nel tempo per tornare dalla sua famiglia, per un errore di calcolo lo farà nel corpo del se stesso adolescente. Nonostante ci appaia come un bambino è il vero Leader e il più letale della Academy.

Aidan Ryan Gallagher è il più giovane di tutto il cast, ma nonostante questo la sua performance attoriale è una delle più apprezzate. Alle spalle ha un’episodio di Modern Family, un ruolo da co-protagonista nella serie NickleOdeon, Nicky,Ricky,Dicky e Dawn, e una parte nel film Jacked Up. Appassionato di Musica e Politica, è il più giovane a essere stato nominato ambasciatore dell’ONU, divenendo Ambasciatore di buona volontà nel Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente a soli 14 anni ( nel 2018)

6) L’Orrore

Ben Hargreeves ( Justin H.Min) - photocredits: Everyeye Serie Tv
Ben Hargreeves ( Justin H.Min) – photocredits: Everyerye Serie Tv

Conosciamo Ben Hargreeves, solo grazie a Klaus che è in grado di comunicare con i morti. Purtroppo Numero 6 è morto in circostanze misteriose molti anni prima. Ben è quindi dipendente da Klaus, e dal suo autosabotare i suoi poteri. Proprio per questo motivo gli altri membri dell’Academy riescono ad avvertire la sua presenza solo nel finale della prima stagione, quando Klaus riesce ad evocarlo insieme al mostro tentacolare che vive nella sua pancia. Nella seconda stagione della serie, comincia ad avere un ruolo più definito, sacrificando anche la sua forma da fantasma per salvare Vanya; e credo, dopo il finale della seconda stagione, di non essere l’unica ad essere curiosa di vedere come evolverà il personaggio.

Justin H. Min, prima di cimentarsi nel ruolo di Ben, è sopratutto un fotografo, oltre che un attore di cortometraggi come My Father (2012), My Bestfriend Max (2012), e How i Became an Adult (2017); oltre che a recitare in un episodio di CSI: Cyber nel 2015 e Faking it nel 2014.

7) Vanya – Il Violino Bianco

Vanya inizialmente ci viene presentata come la meno speciale dei fratelli Hargreeves. Come se fosse, l’eccezione, la sorella normale, difettata, senza alcun potere. E se già Sir Hargreeves è carente di smancerie con gli altri suoi fratelli, con Numero 7 è ancora più freddo e distante. Ma purtroppo non è il solo della famiglia a ignorarla. Anche i suoi fratelli la fanno sentire sbagliata e di troppo, e purtroppo questa dinamica non cambia neanche una volta che si ritrovano da adulti per il funerale del padre.

L’unico intrattenimento che la accompagna anche in età adulta, diventando il suo mezzo di espressione primario è il suo violino. Che ha cominciato a suonare mentre i suoi fratelli erano impegnati nelle loro missioni per salvare il mondo. In realtà Vanya è la più potente dei suoi fratelli, talmente tanto forte che viene sedata fin da piccola, e le viene fatto credere di non avere alcun potere per il bene dell’intera umanità. Infatti sembra proprio che l’Apocalisse, la insegua in qualunque arco temporale si trovi.

Elliot Page, nato Ellen Grace Philpotts Page, è forse il più famoso attore di tutto il cast. Grazie alla popolarità ottenuta dal ruolo nel film Juno, (che gli ha procurato un Oscar come migliore attrice ai tempi), all’interpretazione di Kitty Pride in X-Man, e per aver recitato Arianna in Inception di Nolan.

Vanya Hargreeves ( Elliot Page) - Photocredits: Optimagazine
Vanya Hargreeves ( Elliot Page ) – Photocredits: Optimagazine

Quando il dolore Riunisce

Non c’è che dire, sicuramente per il cast che si è ritrovato a dover interpretare questi personaggi peculiari, è sicuramente una sfida vinta al 100%. Gli attori hanno molto in comune con i ruoli per cui sono stati scelti, e sono riusciti a dare vita a un rapporto familiare che sembra veramente avere anni, e complicità. Fortunatamente per noi, dato che alla base della storia, c’è questa famiglia dove nonostante l’impegno dei componenti sono molte le cose che sembra non abbiano funzionato. Ma la cosa che trovo più coinvolgente è come questi ultimi affrontino i loro traumi infantili che li avevano allontanati, trasformandoli nella loro forza.

Le scene dove i ragazzi si ritrovano a vivere momenti da fratelli normali, riescono a comunicare in tutto e per tutto il disagio di conoscersi ma non essere più abituati a passare del tempo insieme. Quelle in cui cominciano a divertirsi insieme rendono lo spettatore partecipe grazie anche alla musica di sottofondo; specialmente nella seconda stagione la colonna sonora merita un plauso e ci trascina insieme agli Hargreeves nella Dallas degli anni 60.

Insomma nonostante il complesso dell’eroe trasmesso a ognuno di loro in forma diversa dal misterioso Reginald Hargreeves; nonostante qualche sbronza molesta, e nonostante qualche attacco di rabbia e isteria, i ragazzi della Umbrella Academy col passare delle stagioni non fanno che migliorare, chissà cosa combineranno nella prossima.

Seguiteci sulle nostre pagine Facebook & Instagram

Carlotta Mione

Back to top button